Si sente sempre più spesso parlare di yoga per il viso ma in realtà avete idea di come si pratichi davvero un massaggio tale da poterlo definire face yoga? Noi di Pinkblog siamo qui a darvi qualche indicazione per ottenere un effetto liftante al vostro volto dopo appena 21 giorni.

Face yoga: come fare un massaggio liftante al viso

Se avete voglia di provare a praticare il face yoga e ottenere per il vostro viso un effetto liftante bisogna seguire bene alcuni passaggi. In tale “trattamento” resta fondamentale la costanza. Per fare un massaggio di questo tipo e ottenre dei risultati anche in breve tempo, bastano le dita oppure si possono usare il gua sha o il rullo di giada per un effetto più intenso. In 21 giorni si otterranno i primi risultati visibili.

Chiamato anche face gym o face yoga, il massaggio al viso può essere eseguito in totale autonomia quindi anche in casa. Basterà armarsi di buona volontà e di uno specchio.

Il primo consiglio che si può dare per praticare quella che diverrà parte della vostra beuty routine è di farla alla sera quando avete un po’ di tempo. Il vostro viso può essere anche ammorbidito con un prodotto oleoso per rendere tutto più svivoloso e far scorrere meglio dita o tool.

Lo scopo del face yoga è anche quello di stimolare la produzione di collagene, l’elasticità epidermica e il ricambio cellulare. Il massaggio al viso non solo porterà vantaggi in quando a rughe o altri segni ma renderà anche la vostra pelle più idratata e luminosa grazie alla stimolazione della microcircolazione linfatica e sanguigna.

Per fare in modo ottimale il massaggio bisogna seguire le famose Linee Langer, ovvero quei punti di tensione dell’epidermide dove si trovano le fasce muscolari facciali individuate. Creme e sieri devono essere applicati partendo dalla parte centrale del viso verso l’esterno oppure dal basso verso l’alto, esercitando una leggera pressione con i polpastrelli. Potete fare lo stesso anche su collo e décolleté.

Tali linee suggeriscono un movimento dall’interno verso l’esterno per quanto riguarda la parte inferiore del viso, la zona mandibolare, le labbra e gli zigomi. Nell’area del contorno occhi, le linee di Langer seguono invece due direzioni: dall’esterno verso l’interno nella zona delle borse e occhiaie, viceversa sotto l’arcata sopracciliare. Per quanto concerne il naso, invece, esse partono dal centro delle sopracciglia e proseguono verso il basso lungo il setto nasale e ai lati, mentre quelle della fronte seguono la direzione dal basso verso l’attaccatura dei capelli.

Ma quindi, come massaggiare il viso utilizzando queste linee guida? Il face yoga partirà massaggiando i linfonodi situati sotto le orecchie dove generalmente si accumulano liquidi e tossine. Con le dita, si stimola la loro attività eseguendo movimenti circolari dal basso partendo dall’orecchio lungo tutto il collo fino alla clavicola.

Se parliamo della parte della mandibola si inizia dal centro del mento e, procedendo su ciascun lato, si scivola verso l’orecchio fino all’attaccatura dei capelli. Se si usano i tool, la pressione sarà maggiore. In questo caso la riattivazione della microcircolazione e il drenaggio dei liquidi saranno più efficaci.

Con la stessa tecnica si può ottenere ottimi risultati anche per la zona occhi. In questo caso, dita a cerchio e massaggio che inizia da sotto le sopracciglia e procede verso l’esterno comprendendo l’angolo esterno dell’occhio, le occhiaie, i lati del naso per poi tornare alle sopracciglia.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 24-08-2022