Il 23 novembre è il Fibonacci day. Una giornata dedicata a colui che ha creato una sequenza numerica diventata storica.

Oggi si festeggia il Fibonacci day. Una giornata dedicata a Leonardo Pisano, detto appunto ‘Il Fibonacci’. Si tratta dello studioso che ha creato la sequenza per cui ogni numero è il risultato della somma dei due precedenti.

Fibonacci day: cosa sapere

Fibonacci day sequenza
numeri

11-23, all’anglosassone è il 23 novembre, ma anche la sequenza di Leonardo Pisano, detto il Fibonacci. SI festeggia oggi una giornata dedicata a colui che ha creato appunto questa successione numerica per la quale ogni numero è uguale alla somma dei due precedenti.

Una sequenza a noi meglio nota come successione di Fibonacci. Il 23 novembre è stato scelto proprio per celebrare questo studioso.

Ma chi era davvero Leonardo Pisano? È considerato uno dei più grandi matematici di tutti tempi. Nato a Pisa intorno al 1170, inizia a conoscere la matematica araba grazie al suo lavoro presso la colonia mercantile pisana di Bugia in Algeria. Di ritorno dai suoi viaggi scrive il ‘Liber Abbaci’, l’opera alla quale si deve la diffusione dei numeri arabi nel mondo occidentale e dello zero, mettendo da parte i numeri romani diffusi fino a quel momento. Ancora oggi, la sua sequenza è applicata nello sviluppo di codici a barre e ha contribuito agli studi sulla popolazione e nella finanza.

A Fibonacci si deve anche il numero aureo ovvero il rapporto tra un numero della sequenza e quello precedente si avvicina sempre di più a 1,618, una cifra irrazionale presente in molte realtà naturali.

A tale situazione matematica viene spesso “allegato” l’esempio della conchiglia del mollusco Nautilus che riprende alla perfezione la forma della sezione aurea.

Ma non solo. Anche l’arte è espressione della sezione aurea. La conferma arriva dalla facciata del Partenone di Atene che ha le proporzioni del rettangolo aureo, così come molte opere di Leonardo da Vinci.

La sequenza di Fibonacci: storia

Ma perché questa sequenza è così importante? Tutto si deve… ai conigli. Nel lontano 1202, quando il giovane Fibonacci descriveva la crescita di una popolazione di conigli e si accorse che diventano fertili dopo un mese di vita osservò anche che una coppia di conigli genera una sola coppia di conigli e che lo fa una volta al mese.

Da qui, appunto, l’idea di creare quella che divenne la sua sequenza.

All’inizio abbiamo quindi una coppia di conigli che diventa fertile dopo un mese, e a quel punto genera un’altra coppia, che potrà generarne un’altra solo dopo un altro mese. Da qui 1,1,2,3,5,8…

Di seguito un post Instagram che celebra appunto questa giornata:

Riproduzione riservata © 2023 - PB

ultimo aggiornamento: 23-11-2022