Gender reveal party: i consigli per un’organizzazione perfetta

La nuova “moda” è il gender reveal party, una festa organizzata per svelare il sesso del futuro nascituro. Tutto quello che bisogna sapere sul tema.

di amedda

Sentiamo sempre più spesso parlare di gender reveal party e di baby shower. Ma di cosa si tratta esattamente? Parliamo della scoperta del sesso del bambino per una coppia che attende la nascita di un figlio. Uno dei momenti più belli e privati che, ultimamente, è diventato però anche una sorta di evento da organizzare in compagnia di amici e parenti. Noi di Pinkblog vogliamo darvi qualche nozione sul tema e pure alcuni consigli su come organizzarne uno alla perfezione.

Gender reveal party e baby shower: come funziona

Scoprire il sesso del proprio bimbo è uno dei passi più sentiti da parte della coppia. Anche se per molti futuri papà e mamma avere il “mistero” fino alla fine è ancora molto bello e emozionante, pare che la moda sia andata nel senso opposto. Si parla, infatti, sempre con maggiore insistenza di gender reveal party e/o di baby shower. Questi momenti, infatti, non sono altro che delle vere e proprie feste, durante le quali viene rivelato, ad amici e parenti, e spesso anche al consorte, il sesso del bimbo che la donna aspetta nel suo ventre.

Tale moda è arrivata dall’America e ormai sta spopolando nel nostro paese. Nata da una influencer nel 2008, tale Jenna Karvunidis, il gender reveal party si è diffuso sempre di più arrivando, ad oggi, ad essere una vera e propria tendenza.

Questo party speciale solitamente avviene dopo il primo trimestre di gravidanza. L’evento si compone di alcune tappe da seguire: la scelta di un luogo preciso e di una data, la compilazione di una busta o di un modo per rivelare appunto il sesso del bambino che sarà annunciato solamente durante la festa e, ovviamente, prima di quest’ultimo passaggio l’invito ad amici e parenti.

Bisogna fare attenzione, però, a non confondere il gender reveal party col baby shower. Il primo, infatti, viene organizzato dopo il primo trimestre di gravidanza e lo scopo è legato al divertimento di cercare di indovinare tutti insieme il sesso del bimbo. Per quanto riguarda il secondo, invece, l’intento è quello di festeggiare in modo particolare la mamma del futuro nascituro. In questo caso la festa è quasi sempre unicamente al femminile.

Consigli per un party perfetto

Ma quali sono gli step fondamentali per organizzare un gender reveal party perfetto? Se di perfezione deve trattarsi, prima di tutto la sorpresa deve essere per entrambi i genitori mentre molto spesso lo è solo per la componente maschile. Nel caso in cui lo si volesse scoprire insieme occorrerà chiedere al proprio ginecologo di fare l’ecografia e di nascondere l’esito in una busta che verrà aperta solo durante la festa.

Il secondo step è sicuramente quello di scegliere la data giusta che vada bene a tutti gli invitati. Ovviamente, occorre informare tutti gli amici e i parenti delle proprie intenzioni ed invitarli magari in modo carino e sorprendente.

Infine bisogna pensare a come rivelare il sesso del bambino: coriandoli e o palloncini di un determinato colore – solitamente rosa per le femmine e azzurro per i maschietti -. In conclusione, creare l’atmosfera giusta con decorazioni a tema e, possibilmente, anche con un buffet per gli invitati. In questo modo avrete una festa davvero perfetta. Una giornata che non verrà mai dimenticata.

Di seguito uno dei Gender Reveal Party più recenti tra le coppie Vip in Italia, quello dell’influencer Chiara Nasti e del suo compagno Mattia Zaccagni, calciatore ora alla Lazio che hanno condiviso su Instagram una clip con la serata organizzata allo Stadio Olimpico di Roma: