San Martino si festeggia l’11 novembre di ogni anno. Andiamo a vedere alcune poesie, frasi e proverbi tipici di questa giornata.

L’11 novembre si festeggia San Martino e, secondo la leggenda, si verificano i tre giorni della cosiddetta Estate di San Martino. Noi di Pinkblog vi riportiamo alcune delle frasi e dei proverbi tipici di questo periodo.

LA STORIA DEL SANTO

San Martino: poesia, frasi e proverbi

San Martino poesia frasi proverbi
libro aperto

Se si parla di questa giornata particolare dell’11 novembre, non possiamo non iniziare con la poesia più conosciuta, quella di Giosué Carducci:

La nebbia a gl’irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar;
Ma per le vie del borgo
Dal ribollir de’ tini
Va l’aspro odor de i vini
L’anime a rallegrar.
Gira su’ ceppi accesi
Lo spiedo scoppiettando:
Sta il cacciator fischiando
Su l’uscio a rimirar
Tra le rossastre nubi
Stormi d’uccelli neri,
Com’esuli pensieri,
Nel vespero migrar.

Dopo aver visto il testo della celebre poesia, ecco alcuni detti e proverbi:

A San Martino ogni mosto è vino;

L’estate di San Martino, dura dalla sera al mattino;

Chi vuol far buon vino zappi e poti a San Martino.

Infine, vi proponiamo un’altra poesia, questa volta di Cesare Pavese:

Nei paesi novembre è un bel mese dell’anno:
c’è le foglie colore di terra e le nebbie al mattino,
poi c’è il sole che rompe le nebbie. Lo dico tra me
e respiro l’odore di freddo che ha il sole al mattino.
(Cesare Pavese, Estate di San Martino)

Insomma, come abbiamo visto esistono davvero tantissimi frasi, poesia e proverbi da poter raccontare e dire in questa giornata e anche in questo periodo dell’anno. Non resta che scegliere quelle che più sono di vostro gradimento e, se preferite, potete anche spedirle ai vostri amici e parenti. Siamo sicuri che farete un figurone.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 11-11-2022