Banksy pagina 4

Banksy, chi è costui? Tutto il mondo se lo chiede, da quando i suoi graffiti hanno iniziato a comparire sui muri di tutto il mondo. Ma ancora nessuno è certo di conoscere chi si cela dietro questo nome d’arte, che con i suoi disegni denuncia situazioni terrificanti che ancora esistono nel nostro pianeta. Ovviamente molte sono state le ipotesi fatte, ma lo street artist non è mai venuto allo scoperto. E chissà se mai lo farà.

Sicuramente i suoi graffiti si fanno notare. Il suo tratto è inconfondibile, così come i temi trattati dall’artista che ci lascia sempre senza parole, con la semplicità con cui, con le sue immagini, riesce a rappresentare pezzi di mondo che a volte dimentichiamo o diamo per scontati. A lui sono state dedicate moltissime mostre nel mondo e anche in Italia, così come molto è stato detto (e talvolta anche fatto) sui suoi murales.

Banksy, un murale a Betlemme per auspicare la pace tra Israele e Palestina

Chi è Banksy?

Nessuno conosce il vero nome di Banksy, almeno non ancora. Quello che sappiamo è che l’artista e writer è inglese e dovrebbe essere nato nel 1974 a Bristol, città dove ha lasciato in eredità molte delle sue opere d’arte. È uno degli esponenti più famosi della street art.

Non è solo un artista, ma è anche un attivista, un politico e un regista. Il suo impegno nel sociale è fondamentale, perché con le sue opere, satiriche che riguardano argomenti come la cultura, l’etica, la politica, la cronaca, è in grado di far riflettere tutti quanti.

Chi si nasconde dietro Banksy?

Non si sa niente, ovviamente. Si dice che possa essere l’artista svizzero Maître de Casson, anche se lui ha sempre negato. Nel 2008 si era fatto anche il nome di Robin Gunningham, già studente della Bristol Cathedral Choir School: persino degli studiosi avevano dedicato uno studio per capire se fossero la stessa persona. Si è anche pensato che potesse essere Robert Del Naja dei Massive Attack o che possa essere il fondatore dei Gorillaz con il frontman dei Blur Damon Albarn, Jamie Hewlett.

Infine, c’è chi è convinto che dietro quel nome si celi un collettivo di sei artisti o una donna. Si conoscerà mai la sua identità?

Basquiat, la mostra a Londra con l’omaggio di Banksy

Banksy, opere più famose

Quali sono le opere più famose di Banksy?

  • Girl with Balloon
  • Art Bluff
  • Devolved Parliament
  • Exit Though the Gift Shop
  • Love is in the Bin
    Painting for Saints
  • Slave Labour
  • Spy Booth The Son of a Migrant from Syria
  • Think Tank

Banksy, un murale racconta la sua visione di Brexit

E molte altre ancora. Diverse, infine, le opere che gli sono state attribuite, ma che l’artista ha smentito. Non dimentichiamo che Banksy ha scritto anche dei libri (Banging Your Head Against a Brick Wall, Existencilism, Cut It Out, Wall and Piece, Pictures of Walls, You Are an Acceptable Level of Threat). E per il cinema ha realizzato il film documentario, Exit Through the Gift Shop, candidato anche agli Oscar.

Asportato un pezzo di Banksy a LA, ma ne spuntano subito altri
Agli Oscar mascherato da scimmia? Negato l’accesso a Banksy
Banksy a Los Angeles. Nuovi pezzi incendiano la corsa per gli Oscar!
‘Come vendere un Banksy’
Banksy – Sperm Alarm
All’asta su eBay l’identità di Banksy
Banksy e l’ente di promozione turistica di Bristol
Ecco Random, il Banksy del Flintshire
E il Banksy cancellato divenne un manifesto
Grande ressa a Londra per l’ultima stampa di Banksy
Tutti pronti a lucrare sulla street art di Banksy
Ti presento Lino Banksy, artista di streda
Iscriviti alla nostra newsletter