La Miss picchiata ritira la denuncia e l'avvocato rinuncia al caso

La storia di Rosaria Aprea, la miss picchiata dal convivente qualche settimana fa, è ancora viva nella memoria. Ora l’avvocato della ragazza ha deciso di rinunciare al caso.




Il legale di Rosaria alza le mani e rimette il mandato. È stata una decisione meditata a lungo, ma è l’unica che l’avvocato Carmen Posillipo sente di poter prendere. La giovane miss di 20 anni dopo essere stata brutalmente picchiata dal convivente, Antonio Caliendo di 27 anni, ha scelto di perdonare il partner e ritirare la denuncia.

Il fidanzato si è consegnato alla Polizia di Casapesenna ed è stato arrestato dalla Questura di Caserta con l’accusa di lesioni gravissime. Ricordiamo che l’uomo ha picchiato Rosaria prendendola a calci, riducendola in condizioni gravissime. È stata, infatti, sottoposta a ben due interventi, in uno dei quali le è stata asportata la milza. E nonostante tutto questo dolore, la miss vuole andare avanti con lui. L’avvocato Carmen Posillipo, del Foro di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), ha scelto quindi di rinunciare al caso con la seguente motivazione:

Ho deciso di rinunciare al caso in quanto le scelte dell'assistita collidono sia con la mia etica professionale che con la strategia difensive assunte.

In alcune interviste la vittima ha spesso rilasciato dichiarazioni confuse su quanto è accaduto, ma solo su una cosa è stata chiara: ha detto di essere ancora innamorato del convivente e di desiderare la liberazione del partner. Parole che pesano e che fanno pensare. Cosa c’è realmente dietro questa vicenda? È una donna spaventata a parlare o l’amore davvero può rendere così ciechi?

Via | Ansa
Foto | Blogo

  • shares
  • Mail