La dieta dei 7 giorni per depurare il fisico dalle tossine

In una settimana una dieta non può fare miracoli. Però sette giorni bastano a depurare l'organismo e a sentirsi meglio. Vediamo come.

L'estate, anche se è una stagione che ci vede più attente alla silhouette, non è esente da peccati di gola o mangiate luculliane (come il pranzo di Ferragosto) che ingolfano il fisico. È bene sapere che il caldo non aiuta il metabolismo e quindi esagerare a tavola durante la bella stagione può farci ingrassare senza accorgercene.

Ecco perché ogni tanto è bene fare una dieta depurativa di 7 giorni appena che non promette miracoli ma che aiuta a stare meglio. L'obiettivo sarà depurare il fisico dalle tossine accumulate per poi potersi rimettere a regime e non rischiare di mettere su peso. Vediamo le regole da rispettare.


  • W l'integrale - Le farine bianche e tutti i prodotti che le contengono sono da evitare, in quanto sono zuccheri semplici che non aiutano né a sentirsi sazie né a mantenere il fisico tonico. Al contrario le farine grezze, l'avena, la crusca sono carboidrati a lento rilascio ricchi in fibre: le fibre aiutano l'intestino ad essere regolare (quindi ci puliscono dall'interno) e ci aiutano a non patire i morsi della fame. La regola è quindi di scegliere prodotti poco raffinati in questi 7 giorni e di non farseli mancare in alcuno dei pasti principali.

  • W gli ortaggi - Non esiste dieta depurativa che non preveda almeno 5 porzioni di frutta e verdura da suddividere nell'arco della giornata. L'impresa può sembrare ardua ma in verità è molto semplice. La frutta va benissimo a colazione, nello spuntino di metà mattina e nel pomeriggio, mentre la verdura la possiamo mangiare a pranzo e cena, come contorno o come ingrediente principe dei nostri primi piatti.

  • Niente dolci - Si, i gelati ci fanno l'occhiolino dal freezer e il caldo ci invoglia a consumarli, ma in questa settimana i dessert sono da bandire. Lo zucchero non va d'accordo con una dieta depurativa e va drasticamente evitato. Se abbiamo l'esigenza di rinfrescarci il palato preferiamo una buona macedonia di frutta fresca di stagione non dolcificata: dopo sette giorni avremo anche una pelle bellissima. Provare per credere!

  • Pochi grassi e solo vegetali - Per condire insalate, verdura cotta e pasta integrale coi pomodorini freschi (tutte ottime pietanze che possiamo consumare durante la dieta) ovviamente non dobbiamo abbondare coi grassi. Niente burro, formaggi e latticini vari che sono proprio da evitare, ma ben vengano invece un cucchiaio raso al dì di olio extravergine di oliva, succo di limone e spezie.

  • Cottura? Meglio il vapore - Siccome parte dell'aspetto depurativo di frutta e verdura risiede nelle vitamine e sali minerali che contengono, sarebbe sciocco privarsene con la cottura. Le insalate si consumano crude e in estate sono un must, ma se ci serve un contorno di ortaggi cotti preferiamo la cottura al vapore che è in grado di mantenere le proprietà preziose di ogni singolo prodotto dell'orto.

  • E da bere? - Tanta acqua e tisane! Certo, gli infusi ci appaiono più indicati nella stagione fredda, ma basta organizzarsi e preparare una brocca di tisana la sera prima in modo da farla freddare durante la notte e consumarla fresca nell'arco della giornata successiva. Non esiste dieta detox che non preveda un largo consumo di liquidi a basso contenuto di sodio: l'acqua ci purifica e ci aiuta anche a combattere il ristagno di liquidi, quindi è vitale berne almeno due litri al giorno. Banditi invece gli alcolici che hanno anche il potere di "seccare" l'organismo, privandolo delle molecole di acqua di cui ha bisogno per vivere bene.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail