Ernia cervicale: sintomi cause e cure più efficaci

L'ernia cervicale è una sindrome dolorosa provocata da uno schiacciamento dei dischi intervertebrali. Scopriamo da cosa può essere originata e come curarla


L’ernia cervicale è un disturbo doloroso provocato, in genere, da una discopatia delle vertebre cervicali. Quando si verifica uno schiacciamento del disco situato tra le vertebre, a sua volta conseguenza di una riduzione dello spazio intervertebrale, viene compresso il midollo e i nervi (con le relative terminazioni) che solcano la spina dorsale e in tal modo si determina la formazione di un’ernia.
All'origine di una discopatia cervicale ci sono cause diverse, ma le più comuni sono difetti posturali e deviazioni della colonna, sforzi da sovraccarico che perdurano per anni (magari legati al tipo di professione), rigidità e tensione muscolare anche in questo caso di anni (più frequenti tra i soggetti ansiosi), traumi come il classico colpo di frusta.

Ergo, per curare l’ernia cervicale bisognerebbe poter risalire alla causa primaria che provoca la compressione dei cuscinetti intervertebrali e riportare le vertebre in condizione di allineamento.
Quali sono i sintomi di una discopatia dell’area cervicale? Vediamoli:


  • Cefalea cronica di origine muscolo-tensiva
  • Capogiri e vertigini
  • Nausea e vomito a digiuno
  • Senso di stordimento
  • Dolore e rigidità dei muscoli cervicali
  • Difficoltà a sollevare la testa e a ruotarla
  • Dolore al braccio

Come anticipato, per curare l’ernia cervicale si dovrebbe agire sulla causa scatenante del sovraccarico ed eliminarla, laddove possibile. In ogni caso, per riportare la colonna in equilibrio e riallineare le vertebre le terapie consigliate (da non cominciare, però, durante le fasi acute della discopatia, quando i dolore è prodotto dall'infiammazione dei nervi), sono quelle di tipo manuale, a trazione meccanica.

Cicli di massaggi da un bravo osteopata, da un fisioterapista o dal chiropratico sono le cure migliori, che comunque richiedono tempo e collaborazione dal parte del paziente per la riabilitazione. Quando il dolore è molto forte, per trovare sollievo si possono assumere, solo all'occorrenza,farmaci analgesici e antinfiammatori. Sempre per ridurre il dolore e allentare la tensione muscolare sono utili gli impacchi di calore.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail