Come fare lo smokey eyes rosso per occhi super sexy

Il rosso è un colore forte, pieno di vita e molto sensuale. Ecco perché nel maquillage è un vero classico su labbra, zigomi e unghie. Provatelo anche sugli occhi con lo smokey eyes in red che vi suggeriamo.

Il trucco smokey eyes è sempre molto amato dalle donne, grazie al fatto che ingrandisce lo sguardo, rendendolo sensuale e molto profondo. Si, ma se qualcuno pensa che per lo smokey servano solo le tinte scure dei neri, dei blu e dei grigi, è decisamente in errore. Pinkblog oggi vi suggerisce il bellissimo red smokey eyes, un trucco occhi in rosso audace e davvero sexy.

Iniziate stendendo su tutta la palpebra mobile un ombretto in crema sui toni del bronzo, dopo di che date definizione alla piega con un nero o un marrone scuro, sfumando il colore col pennellino anche dall'angolo esterno verso l'interno della palpebra. Contornate l'occhio con una matita nera a punta fina e solo sulla rima superiore passate anche l'eyeliner nero.

Prendete ora un pigmento rosso carico, meglio se a finish shimmer, della sfumatura che più vi piace (adattissime allo scopo sono le polveri minerali pure che sono ricchissime di pigmentazione e riflessi) e pressatelo con un pennello nell'angolo interno dell'occhio, sfumandolo fino a metà palpebra.

Ripetete l'operazione sfumando sempre più verso l'esterno e se lo desiderate date un tocco di rosso anche lungo la rima inferiore per creare più enfasi. Quando la saturazione di tinta vi soddisferà riprendete l'ombretto nero e ripassatelo nella piega, stavolta sfumandolo nella zona angolare interna dell'occhio. Ora l'ultimo step: abbondante mascara nero per dare definizione e volume alle ciglia.

Questo tipo di trucco va benissimo per qualsiasi colore di occhi, ma senza dubbio dà molta luce a chi ha l'iride verde. Queste ragazze possono osare un make up occhi di questo tipo durante le serate speciali e visto che il Capodanno si avvicina, è anche un'idea carina per sfoggiare qualcosa di rosso per il party di fine anno!

Foto | da Pinterest di Trinity Godina

  • shares
  • Mail