Le liti in un matrimonio sono fisiologiche e dicono che la coppia in qualche modo sta crescendo e sta affrontando le spigolosità del rapporto. Si, ma una litigata spesso può nascere per una battuta fuori luogo che accende la miccia dal nulla e fa infuriare una battaglia verbale senza esclusione di colpi. In particolare un uomo ha cinque cose che rinfaccia più spesso alla propria moglie per punzecchiarla. E ovviamente sono quelle che più di tutte possono far volare i piatti. Qui di seguito la top five nera.

  1. Spendi troppo – Mai dire all’angelo del focolare, che cura casa, figli e cucina che non è in grado di amministrare il denaro. In genere lo “spendi troppo” è seguito da una lista più dettagliata di cose a cui lei non saprebbe dire di no. Solitamente parrucchiere e abbigliamento sono le prime cose per cui lui accusa lei di mani bucate, ma più subdolamente c’è chi prosegue con la spesa alimentare, le utenze (bollette, condominio, etc…) e i bisogni dei figli. E queste ultime tre cose scatenano la bufera in quanto mettono in discussione la capacità di una donna di gestire tutto nel migliore dei modi e la colpevolizzano su cose che le competono solo in parte. Morale della storia: per un paio di notti il marito dormirà sul divano col cane.
  2. Sei uguale a tua madre – Mai e poi mai si deve dire ad una donna che è uguale a sua madre, sia che si tratti dell’aspetto fisico, sia che si tratti di quello psicologico. Dall’adolescenza in poi nessuna vuole somigliare alla propria genitrice, considerata la tiranna, gretta e chiusa contro cui combattere. Poi quegli anni di contestazione passano, ma nel cuore resta quel senso di diffidenza e lo sprone che tutte si ripetono quando escono di casa: io sarò meglio di lei. E guai a chi osa dire il contrario, marito avvisato.
  3. Perché non cucini bene come mia madre? – Domanda retorica. Per un figlio, magari anche un po’ mammone, nessuna donna sarà brava, bella e buona come quella santa donna che un dì gli ha dato la luce. Ma provate a dire ad una moglie che il polpettone è buono ma quello di mammà è inarrivabile. Il lato positivo è che per cena assaporerete la cucina materna unica e inimitabile, ma probabilmente il tutto avrà un gusto un po’ amaro…
  4. Hai educato male i nostri figli – E passi la cucina non apprezzata a dovere, e passino anche i rimbrotti perché i conti non tornano, ma mai e poi mai potrà essere perdonato il mettere in discussione il ruolo di buona madre. Tutto ciò che riguarda l’educazione dei figli è pieno appannaggio dei genitori, ma spesso il marito è portato a demandare alla propria moglie gran parte del ruolo. Si, ma poi che non si azzardi ad accusarla di eccessiva permissività o indolenza. Il rischio, nel peggiore dei casi, è di trovarsi già le valige sul pianerottolo!
  5. Da quando ti ho sposato sei più sciatta – Questa è una cosa che fa imbestialire tutte, soprattutto le donne che pur di risparmiare e non sentirsi accusate del contenuto del punto 1 di questa lista, risparmiano anche sulle spese personali. L’accusa di sciatteria a volte diventa imperdonabile, specie quando è reiterata nel tempo e/o arriva in un momento di debolezza emotiva. Il classico esempio sono gravidanza e menopausa, momenti fisiologici della vita di una donna che la fanno sentire più fragile ed esposta. Chi infierisce anziché rassicurare ne vedrà delle brutte.

Foto | da Flickr di Hang_in_there

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 15-02-2014