Gli anticoncezionali femminili ormonali e non ormonali adatti per età

La contraccezione al femminile offre diverse opzioni di scelta, alcune più adatte a donne giovani e alle prime esperienze, altre a donne più mature e magari già mamme. Vediamo le differenze

Parliamo di un argomento cruciale nella vita di ogni donna: la scelta e l'uso consapevole degli anticoncezionali. Quelli al femminile sono davvero tanti, e talvolta, proprio l'eccesso di offerta, può ingenerare ansia nelle giovani ragazze alle prese con le loro prime esperienze.

E' molto importante affrontare la sessualità senza timori, ma anche e soprattutto con prudenza, perché ci sono molte insidie nascoste in un atto così piacevole (se ben fatto). Non solo le gravidanze indesiderate sono in agguato, ma anche le malattie a trasmissione sessuale, alcune delle quali insidiose in quanto asintomatiche, ma in grado di provocare danni a lungo termine, tra cui anche infertilità.

FRANCE-INQUIRY-HEALTH-PHARMACEUTICALS-CONTRACEPTION

Ecco perché è importante decidere il proprio contraccettivo con intelligenza e lungimiranza. Quali sono, dunque, le opzioni? La prima che ci viene in mente è la pillola, un farmaco base di ormoni (estrogeni) in grado di inibire l'ovulazione e quindi proteggerci dalle possibili gravidanze indesiderate. La pillola è un anticoncezionale perfetto per le ragazze giovani che, oltre ad iniziare la loro vita sessuale, magari vogliano anche curare qualche piccolo disturbo come irregolarità mestruali, endometriosi, ovaio policistico, acne eccetera.

La pillola, però, è comunque un farmaco, va assunta conoscendo tutti i pro e i contro spiegati dal proprio ginecologo, e presa in maniera continuativa (non un giorno sì e uno no!). Eventualmente c'è anche la possibilità di farsi applicare il dispositivo ormonale sottocutaneo che ha gli stessi effetti della pillola ma dura diversi anni e una volta inserito, ci si può scordare di averlo.

I contraccettivi ormonali sono molto comodi, ma non proteggono dalle malattie a trasmissione sessuale, quindi in caso di rapporti occasionali o di relazioni con partner non "sicuri", vanno abbinati all'uso del preservativo. Inoltre, sarebbe meglio evitare di assumerli dopo i 35 anni, sia perché potrebbe dare qualche problemi di coagulazione del sangue (favoriscono la formazione di trombi), e sia perché magari è arrivato il momento di.. diventare mamme!

Il preservativo femminile, poco usato, ma davvero eccellente, è ottimo per proteggersi dalla malattie veneree e dalle gravidanze, si trova in farmacia, così come l'anello vaginale e il diaframma, dispositivi non ormonali che si ineriscono in vagina formando una barriera contro lo sperma. Il diaframma si usa con le creme spermicide e non protegge dalle malattie a trasmissione sessuale, ma se usato correttamente offre ottime garanzie contro le gravidanze indesiderate.

Le donne che abbiano una relazione stabile e magari siano già mamme, possono anche farsi inserire la spirale, un anticoncezionale intrauterino non ormonale che offre una protezione altissima al rischio di gravidanze non volute. Insomma, non c'è che l'imbarazzo della scelta. In ogni caso, per ogni evenienza, anche se non è un contraccettivo femminile, una scatolina di profilattici tenetela sempre a portata di mano....

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail