)
La distorsione della caviglia, comunemente definita anche slogatura, è un trauma a carico dei legamenti che collegano il piede alla gamba, e che può essere più o meno grave.

In genere sono soprattutto gli atleti, o comunque chi svolga attività sportiva intensa ad essere più a rischio, ma in realtà procurarsi una distorsione non è difficile. Noi donne siamo particolarmente a rischio per via dei tacchi alti, infatti basta mettere un piede in fallo per rischiare un bel danno.

Per capire di che disturbo stiamo parlando dobbiamo considerare l’anatomia della caviglia, la cui articolazione è costituita da tre ossa: tibia e perone collegate alla gamba, e l’astragalo collegata al piede. Cadendo, o effettuando un movimento scomposto, possiamo procurarci una lesione dei legamenti, ovvero dei tendini che collegano queste ossa, che può essere inversa (con rotazione interna del legamento), o eversa (più rara, con rotazione sterna).

A seconda di quanto siano stati lesionati i legamenti (stirati, lacerati o rotti) si può predisporre la cura. Se, infatti, il danno è lieve, ovvero non si è verificata la rottura totale dei legamenti, si può ricorrere anche alle cure naturali. I sintomi della distorsione della caviglia sono edema, dolore, talvolta ecchimosi. Sarà l’ortopedico a stabilire la gravità del trauma, naturalmente.

Se lieve, come abbiamo detto, si può risolvere senza grosse conseguenze con tanto riposo, l’uso di una fascia elastica che tenga piede e caviglia, e, come anticipato, l’uso di prodotti naturali. Tra questi molto efficace per ridurre il gonfiore è l’impacco con la borsa del ghiaccio, da applicare come primo intervento dopo il trauma.

Successivamente sulla parte si potrà applicare una pomata alla canfora o quella alla calendula, ma anche “pescare” rimedi in dispensa. Potete bollire delle foglie di cavolo e poi avvolgerle con delle garze attorno alla caviglia.

Anche una bella garza avvolta strettamente al piede riempita con fettine crude di cipolle e di aglio aglio è molto efficace come antinfiammatorio naturale. Il Ribes nigrum in gocce può aiutare, dall’interno, a sfiammare e ridurre l’edema della caviglia, ma anche un lavaggio con il latte acido e può risultare efficace. Provate!

Foto| via Pinterest

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 12-03-2014