Diritti delle donne, per Beijing+20 il 2015 è l'anno delle donne

Sale l'attesa per il vertice di Beijing+20 che si svolgerà nel 2015, a 20 anni dalla prima Conferenza mondiale della Donna promossa dalle Nazioni Unite. Obiettivo: promuovere globalmente i diritti delle donne e la parità di genere

Quasi un ventennio fa, esattamente il 15 settembre del 1995, le Nazioni Unite organizzavano la prima Conferenza mondiale sulla Donna, che si svolgeva a Pechino. Si trattava di una scommessa, vinta, si pensò, considerando le 500mila partecipanti da tutto il globo, tra cui donne politiche molto importanti, come Hillary Clinton e la premier pakistana Benazir Bhutto (deceduta, come ricorderete, in un grave attentato avvenuto nel 2007 durante un comizio), leader africane e donne della cultura e dello showbiz di grande levatura.

Di grande rilievo poi, fu l'intervento di Madre Teresa di Calcutta, che di lì a due anni si spense. Fu un evento, ripetuto altre tre volte, che ora, ad un ventennio di distanza, si ripropone proprio laddove tutto cominciò, a Pechino. In questo momento storico molto particolare, di grave crisi economica dei Paesi industrializzati, di guerre pseudo-religiose e di tensioni geopolitiche fortissime, il ruolo delle donne diventa sempre più cruciale.

Employees of the Beijing International Convention

E' ancora lontana, lontanissima, quella agognata parità dei diritti a livello mondiale che era stata la grande speranza del 1995. Ma la scommessa non è stata persa, al contrario, anche se sottotraccia, la presenza e la pregnanza femminile ad ogni livello, incluso quello economico-politco, è certo maggiore che di 20 anni fa, e la lotta contro le discriminazioni di genere trova sempre più sponde e scuote sempre più coscienze ovunque.

Anche grazie ad iniziative come quella della Conferenza mondiale sulla Donna voluta dalle Nazioni Unite, che una nuova campagna cerca di rilanciare per creare aspettative e mobilitazione a livello universale in attesa dell'evento di Pechino 2015. Come spiega Lakshmi Puri, une delle organizzatrici:

Quello che vogliamo fare attraverso questa campagna è quello di riportare la questione della parità di genere tra le persone comuni, a cui appartiene. Vogliamo lanciare questa campagna con tutta l'energia e la mobilitazione che c'era già a Pechino 20 anni fa. Ecco perché abbiamo scelto come slogan: Picture it! (Immaginalo!). Vogliamo spingere le persone a visualizzare un mondo in cui le donne abbiano più potere

Si parla con ottimismo del futuro delle donne in questa campagna. Tutto ruota intorno alla tecnologia, un'arma potente a vantaggio della causa femminile. Con l'ausilio dei social media è molto più facile, economico e immediato veicolare un messaggio positivo e farlo diventare un fenomeno virale globale.

Anche i diritti delle donne, e l'idea, che diventa progetto dinamico portato avanti da tutti (ognuno nel suo piccolo), di creare una società in cui davvero sia praticata la parità di genere e le discriminazioni tra uomini e donne siano un lontano ricordo, possono diventare fenomeno virale, allegramente pervasivo. E' la speranza della Nazioni Unite, ovvero di tutti noi, per un futuro possibile.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Fonte| The daily beast

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail