Bellissima Mostra MAXXI: il dinner gala con Frida Giannini, Margaret Madè, Silvia Fendi e Vittoria Puccini

Si apre oggi la mostra al MAXXI “Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945-1968”, oltre vent’anni di moda in un’esposizione che restituisce le atmosfere e gli stili di un periodo che ha contribuito in modo straordinario a definire il carattere italiano a livello internazionale. In occasione dell’inaugurazione si è tenuta un dinner gala con moltissime celebrities nostrane e stilisti italiani che hanno fatto la storia della moda italiana. Le foto sono su Style & Fashion

Si apre oggi la mostra al MAXXI “Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945-1968”, oltre vent’anni di moda in un’esposizione che restituisce le atmosfere e gli stili di un periodo che ha contribuito in modo straordinario a definire il carattere italiano a livello internazionale. In occasione dell’inaugurazione si è tenuta un dinner gala con moltissime celebrities nostrane e stilisti italiani che hanno fatto la storia della moda italiana.

Presenti sul red carpet: Adriano Giannini, Alberta Ferretti, Angela Missoni, Anita Caprioli, Carla Fendi, Carlo Verdone, Catrinel Menghia, Dario Franceschini, Delfina Delettrez Fendi, Diane Pernet, Ermanno Scervino, Franca Sozzani, Frida Giannini, Ginevra Elkann, Giorgio Gori, Giovanna Melandri, Goga Ashkenazi, Isabella Ferrari, Jean-Christophe Babin, Marco D’Amore, Margaret Madè, Margherita Buy, Maria Grazia Chiuri, Miuccia Prada, Nathalie Rapti Gómez, Nicola Bulgari, Nicoletta Romanoff, Pier Paolo Piccioli, Roberto D’Agostino, Silvia Fendi, Stefano Tonchi, Suzy Menkes, Valentina Cervi, Vittoria Puccini e Yvonne Sciò.

Hanno vestito Giorgio Armani: Giovanna Melandri, Presidente del MAXXI, ha indossato un abito lungo blu notte in crêpe di seta; Jhumpa Lahiri ha indossato una giacca ricamata con ampio pantalone in seta nero; Margherita Buy ha scelto di indossare una completo giacca e pantalone in seta nera con camicia bianca; Isabella Ferrari ha indossato un abito lungo nero con spacco frontale e dettagli in velluto; Principessa Lucia Odescalchi ha indossato un top in cachemere e un pantalone in cady di seta verde lime con una cappa in fili d’acciaio e cristalli Swarovski; Giulia Verdone ha scelto di indossare un top bianco ricamato con giacca nera e ampio pantalone in velluto nero, della collezione Emporio Armani; Carlo Verdone ha indossato un abito nero con camicia bianca; Marco D’Amore ha indossato un abito nero con revers in seta e camicia bianca.

Bellissima. L’Italia dell’alta moda 1945-1968 non è la storia dell’alta moda, è piuttosto il tentativo di ricomporre, con il filtro dell’oggi, la complessa e cangiante immagine della moda italiana, in un racconto corale fatto di tante storie esemplari che sono il tessuto che darà forma e consistenza al grande successo dell’etichetta “made in Italy”.

Dalle creazioni spettacolari che hanno illuminato i grandi balli e i foyer dei teatri, all’eleganza trattenuta degli abiti da mezza sera; dal grafismo rigoroso del bianco e nero, all’esplosione cromatica tipica degli anni sessanta; dalle invenzioni per le attrici della Hollywood sul Tevere, agli esiti della sofisticata ricerca formale frutto delle collaborazioni fra sarti e artisti.

A sottolineare la complicità tra arte e moda che ha profondamente segnato quegli anni, gli abiti di Emilio Schuberth e delle Sorelle Fontana, di Germana Marucelli e Mila Schön, di Sarli e Simonetta, di Capucci e Gattinoni, di Fendi, Balestra, Biki, Galitzine, Pucci e Valentino dialogano con opere di Lucio Fontana, Alberto Burri, Paolo Scheggi e Massimo Campigli, e ancora Carla Accardi e Giuseppe Capogrossi, testimonianza della sperimentazione e della grande vitalità creativa di un’epoca eccezionale.

Il dialogo con l’arte contemporanea è esaltato poi da VB74 la performance che Vanessa Beecroft ha progettato appositamente per l’inaugurazione della mostra, sul tema dell’identità femminile. In mostra anche le creazioni di Bulgari, il gioielliere italiano più celebre nel mondo, con una selezione di pezzi unici di grande sperimentazione e innovazione stilistica.

Infine, tre grandi fotografi per raccontare i paesaggi dell’alta moda italiana: Pasquale De Antonis (Teramo 1908 – Roma 2001) che mette gli abiti dell’alta moda in dialogo con la classicità della Roma antica; Federico Garolla (Napoli 1925 – Milano 2012) che invece porta dentro le sue foto la Roma moderna, le architetture più grafiche e razionali; Ugo Mulas (Pozzolengo, Brescia 1928 – Milano 1973) che documenta l’intera evoluzione della moda italiana e ricrea una sorta di ottocentesco viaggio in Italia, fotografando le sue modelle in giro per il paese.

Bellissima Mostra MAXXI: il dinner gala con Frida Giannini, Margaret Madè, Silvia Fendi e Vittoria Puccini

Bellissima Mostra MAXXI: il dinner gala con Frida Giannini, Margaret Madè, Silvia Fendi e Vittoria Puccini

LEGGI ANCHE

Met Ball Gala 2014: la mostra “Charles James: Beyond Fashion” al Metropolitan Museum of Art, le foto

I Video di Pinkblog