Pitti Uomo Gennaio 2015: Manuel Ritz illumina lo stile british con il degradé, le foto

L’Autunno Inverno 2015 2016 di Manuel Ritz, presentato a Pitti Uomo 87, illumina una collezione d’ispirazione british, ricorrendo alla luce e alla conciliazione dei colori di stagione. Le immagini sono in anteprima su Style & Fashion

L’Autunno Inverno 2015 2016 di Manuel Ritz, presentato a Pitti Uomo 87, illumina una collezione d’ispirazione british, ricorrendo alla luce e alla conciliazione dei colori di stagione. Must have del prossimo autunno inverno 2015 2016, il degradè, inteso come dissolvenza, che troviamo su giacche, giacconi.

Innegabile la componente di leggerezza che dalla luce permea tessuti di una stagione per antonomasia votata invece alla pesantezza. La conciliazione dei colori e la dissolvenza del degradé sia tono su tono che a contrasto, vengono applicate su diverse tipologie di tessuti dal gusto urban preppy: tweed, black watch, regimental, gessati e jersey leggeri. Quest’ultimi trovano ampio spazio nella creazione di giacche decostruite ma foderate.

Elementi di continuità rispetto alla stagione passata, sono invece da un lato, l’uso di accostamenti di materiali tecnici, con filati classici come lana e neoprene, dall’altro quello dell’abbinamento del gilet alla giacca per quanto riguarda tessuti, texture e colori.

Nonostante l’uso delle nuove tecnologie all’interno del capo, Manuel Ritz sembra infatti viaggiare su due binari dove tradizione e innovazione si fondono o convivono all’interno della stessa collezione, come nel caso dell’utilizzo dello shetland e di fibre naturali. Una grande pulizia permea anche i pantaloni in lana o misti lana, su modelli con pinces, e con effetto degradé.

Nonostante una forte connotazione sporty chic la collezione Manuel Ritz regala una proposta più fashion, per giacche ed abiti, dominata dal black and white e impreziosita da fodere interne ispirate alle icone del cinema. I pantaloni elegantissimi, presentano la banda in raso.

Il total look viene completato, dalla maglieria che presenta finezze più pesanti dalla 12 per arrivare alla 5, dove si alterna l’effetto degradé all’inserimento di dettagli color. Irrinunciabile collezione shoes, che riecheggia l’uso di materiali, e texture, quasi fosse un prolungamento naturale dei capi stessi; e dai capispalla, come parka, picot, giacconi, cappotti e piumini. Anche in questo caso l’accostamento audace fra tradizione e tecnologia garantisce la completa conciliazione fra classicità e confort, fra eleganza e sportività.

Troviamo, infatti capi realizzati esternamente in cordure, cotoni e lana ma con interno in ecodown; ovvero piuma ecologica al fine di ricrearne la sofficità, pur conservando i vantaggi di una imbottitura termica tecnologica e una morbidezza unica.

SEGUITE IL LIVE BLOGGING DAL PITTI UOMO 87 SU TWITTER, FACEBOOK, TUMBLR E INSTAGRAM

SCOPRI QUI TUTTO LO SPECIALE E LE NOVITA’ DI PITTI UOMO 87

Pitti Uomo Gennaio 2015: Manuel Ritz illumina lo stile british con il degradé, le foto

Pitti Uomo Gennaio 2015: Manuel Ritz illumina lo stile british con il degradé, le foto

LEGGI ANCHE

Tendenze moda uomo autunno inverno 2014 2015: lo chic informale di Jacob Cohën, le foto

Tendenze moda uomo primavera estate 2015: il viaggiatore di Pomandère, le foto

Tendenze moda uomo autunno inverno 2014 2015: lo spirito ribelle di Hydrogen, le foto

Tendenze moda uomo autunno inverno 2014 2015: lo sportswear di C.P.Company, le foto

Tendenze moda uomo primavera estate 2015: il lusso sartoriale di President’s, le foto

I Video di Pinkblog

Ultime notizie su Pitti Uomo

Tutto su Pitti Uomo →