Il Compasso d’oro inaugura il premio internazionale e omaggia Expo 2015

Il Compasso d’Oro si sdoppia e oltre alla classica edizione nazionale, inaugura dal 2015 quella internazionale con tema deciso di anno in anno

La Bruxelles amante del design è in fermento, visto che in questi giorni si è inaugurato l’inizio dei lavori di allestimento per la mostra che esporrà le opere dei 20 vincitori del Compasso d’oro 2014. L’evento è stato fortemente voluto per far conoscere le perle del Made in Italy in occasione dei sei mesi di Presidenza italiana presso il Consiglio dell’Unione Europea.

Durante tale occasione si è deciso di presentare un’importante novità, l’istituzione del Compasso d’oro internazionale che, a differenza dell’edizione classica, avrà valenza annuale e non triennale. Altro importante aspetto è che ogni anno sarà scelto un tema diverso da quello precedente, sempre però puntando su tematiche non di nicchia che garantiscano una partecipazione estesa.

Il concept scelto per il 2015 è un omaggio ad Expo Milano, l’Esposizione Universale che verrà inaugurata il prossimo maggio con la tematica Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. I candidati del premio internazionale saranno infatti portati a confrontarsi con il tema Design for Food and Nutrition, design inteso come strumento di innovazione e sviluppo sostenibile della produzione alimentare e dei sistemi di produzione e consumo del cibo.

Otto le categorie da premiare che, come da estratto del regolamento ufficiale, saranno:

  1. Design for Agriculture, Fishing and Breeding – Il design applicato ai metodi, alle tecniche e agli strumenti per la coltura degli alimenti, alla pesca e all’allevamento di animali a scopi alimentari.
  2. Design for Quality Food Process – Il design per l’innalzamento delle qualità organolettiche, nutritive, di gusto e salubrità della produzione alimentare: dal food processing,alle tecniche e gli strumenti trasformazione degli alimenti e il design dei prodotti alimentari.
  3. Design for Food Packaging – Il design dell’imballaggio (sia primario sia secondario),i metodi di confezionamento, trasporto, presentazione del cibo, porzionamento, convenience food, e la comunicazione visiva.
  4. Design for Food Distribution – Il design per i sistemi distributivi del cibo e delle attività post-consumo: dal design dei servizi per l’alimentazione e per la ristorazione,all’intermediazione o de- intermediazione produttore/consumatore, dalle filiere corte ed etiche al design per il recupero di scarti e rifiuti alimentari.
  5. Visual Communication for Food and Nutrition – Il design per la comunicazione del cibo e del prodotto alimentare: brand design,comunicazione visiva dei prodotti alimentari (dall’advertising al labelling, dagli artefatti comunicativi fisici a quelli virtuali) per la grande e piccola distribuzione, design per l’educazione al cibo e per la consapevolezza sulle questioni alimentari.
  6. Design Food Preparation and Instruments – Il design per la preparazione del cibo: dalle tecniche e gli strumenti per la preparazione industriale degli alimenti, a quelli per la preparazione artigianale e domestica.
  7. Design for Food Consumption and Eating – Il design per il consumo individuale e/o collettivo del cibo: dalle soluzioni per gli ambienti di vendita a quelli del consumo (ristorazione in interni ed esterni),allo street food, compresi i suoi prodotti edibili e gli oggetti per il consumo medesimo, la comunicazione visiva e tutto ciò che contribuisce a definire inequivocabilmente un format alimentare.
  8. Design for Food and Local Heritage – Il design per la valorizzazione delle produzioni alimentari, delle comunità produttive e dei territori: dai progetti per il recupero, la valorizzazione e la diffusione delle produzioni tipiche, al design per l’innovazione di pratiche, diete e nuove relazioni per il turismo culturale.

Come per l’edizione classica, anche in questo caso ci sarà una lista di premiati e una di segnalati (i quali riceveranno la Menzione d’Onore), ulteriormente suddivisi in candidati ai Premi e candidati alla Targa Giovani. Il giudizio della giuria terrà conto di tre aspetti fondamentali per stabilire i progetti più meritevoli: l’innovazione, le qualità comunicative e ovviamente la sostenibilità.

E noi di Designerblog non vediamo l’ora di poter dare una sbirciatina alle certamente interessanti proposte di questa prima edizione del Compasso d’oro internazionale 2015.

Foto | © 2014 European Union