Dungeons & Dragons: la classe dell’armatura

Che ne dite se oggi andiamo a parlare di classe dell’armatura nel gioco di ruolo Dungeons & Dragons? Ci sono delle piccole differenze a seconda della versione con cui si gioca.

Oggi andremo a parlare di classe dell’armatura all’interno del gioco di ruolo per eccellenza, Dungeons & Dragons. Vedremo cosa si intende e, tanto per complicarci la vita, come cambia il concetto e il valore assunto nelle diverse version di Dungeons & Dragons. Si tratta di un concetto base, bisogna conoscerlo bene, anche perché ritorna in molti giochi di ruolo, sia da tavolo che da console o computer, per cui verrete sempre funestati dalla classe dell’armatura. E a questa associamo la THAC0, ovviamente. Come al solito, se ci sono esperti di D&D che vogliono dire la loro o dare dei suggerimenti o delle spiegazioni aggiuntive, sono benvenuti nei Commenti.

La classe dell’armatura in D&D

Con il termine classe dell’armatura in molti giochi di ruolo si intende un valore numerico che indica la facilità con cui si può colpire un nemico (o essere colpiti, a seconda del punto di vista). Partiamo dalle prime versioni di Dungeons & Dragons: qui più bassa è la classe dell’armatura di un certo personaggio o di un mostro, più diventava difficile colpirlo. Questo principio è alla base di molti videogiochi, tanto per citarne uno, adesso sto giocando a Baldur’s Gate II e anche qui più è bassa la classe dell’armatura e meno probabilità hai di essere colpito… ovviamente abbassare la classe dell’armatura di un Guerriero o di un Nano è abbastanza semplice, abbassare quella di un Mago, specie se come me non sei un giocatore espertissimo, diventa un’impresa.

Torniamo alle prime versioni di Dungeons & Dragons: un uomo senza armatura aveva una AC o CA di 10. Facendogli indossare un’armatura, ecco che il valore della classe si abbassa, a seconda anche del tipo di armatura: un’armatura di cuoio te la abbassa di poco, un’armatura di piastre completa la abbassa di parecchio. E il valore poteva scendere anche al di sotto dello zero.

Passando alla seconda edizione di Advanced Dungeons & Dragons, ecco che la capacità di un personaggio o di un mostro di colpire con successo viene indicato con il THAC0, cioè il tiro minimo con un d20 necessario a colpire la classe di armatura 0 (da cui ecco l’acronimo THAC0: To Hit Armor Class 0). Il tiro per colpire altre classi armatura viene calcolato sottraendo la classe di armatura del THAC0. Se ne deduce che più è basso il THAC0, più probabilità hai di colpire con successo.

Le cose cambiano ancora in Dungeons & Dragons 3.0, dove per confonderci meglio le idee, si inverte il valore della classe di armatura. Si parte sempre dalla CA 10 di un uomo senza armatura, ma indossandone una o impugnando uno scudo, ecco che al posto di abbassarsi, si alza la CA. Quindi se nella seconda edizione avevi una CA di 0, nella 3.0 avrai una CA di 20. E questo sistema viene ancora utilizzato nella quarta edizione. Ricordiamo poi che la classe dell’armatura può venire influenzata dal materiale dell’armatura, dalla destrezza del personaggio e dall’uso di alcune tecniche di combattimento come la Parata.

I Video di Pinkblog