Among Us, storia del videogioco che sta conquistando tutti

Conoscete Among Us? E’ un videogioco di Innersloth che sta spopolando in questo momento. Ecco storia e origini di questo videogame.

Fra i giovanissimi (e non solo a dire il vero), al momento non spopola solamente Fortnite, ma anche un altro videogioco: stiamo parlando di Among Us. Se vedete i vostri figli o nipoti con la testa china a ridacchiare sul cellulare, o sta giocando a Fortnite o sta giocando ad Among Us. Si tratta di un videogame multigiocatore di sopravvivenza creato da Innersloth nel 2018 e inserito nell’Epic Games Store. Tuttavia il boom c’è stato solamente nel 2020, complice anche il fatto che diversi streamer di Twitch hanno cominciato a giocarci in massa, dandogli nuova visibilità. Aggiungiamoci poi le restrizioni provocate dalla pandemia e il fatto che si è bloccati in casa ed ecco che tutti stanno giocando ad Among Us.

Altra probabile causa del successo è legata all’uscita a luglio 2020 del videogioco The Henry Stickmin Collection: al suo interno sono nascosti i personaggi di tutti e 12 i colori, nonché poster e effetti sonori.

Storia e origini di Among Us

La storia e le origini di Among Us iniziano nel 2017, quando Innersloth, team produttore di giochi indie, decide di creare un nuovo videogame. Un programmatore e due artisti si mettono all’opera e pubblicano nel 2018 il gioco su Steam, rilasciandolo anche gratuitamente per iOS e Android. Inoltre a dicembre 2020 è uscito anche per Nintendo Switch.

In realtà nessuno avrebbe immaginato un successo tardivo come questo, motivo per cui al principio si pensava a far uscire un sequel, Among Us 2. Quando però il successo del capitolo originale divenne travolgente (e il tutto è avvenuto così improvvisamente che all’inizio i server hanno faticato ad adattarsi), gli sviluppatori decisero di lasciare perdere il sequel. Le modifiche previste per il secondo capitolo vennero riconvertite per il gioco originale e la scelta fu quella di espandere il gioco originale.

Modalità di gioco

Among Us è un videogioco di sopravvivenza multigiocatore. Si può giocare da 4 a 10 giocatori. Da 1 a 3 di questi giocatori vengono selezionati in modo casuale dal gioco stesso per interpretare la parte degli impostori, mentre tutti gli altri sono gli astronauti. Sono tre le mappe su cui giocare:

  1. The Skield: l’astronave
  2. Mira HQ: il quartier generale
  3. Polus: base planetaria

A queste nel 2021 dovrebbe aggiungersi l’aeronave del Clan dei Cilindri, quella vista in Henry Stickmin: Infiltrating the Airship. I membri dell’equipaggio devono svolgere alcuni computi semplici: di solito sono lavori di manutenzione o anche il rifornimento di carburante. Invece gli impostori ricevono un falso elenco di incarichi in quanto avranno la possibilità di sabotare tutti i sistemi della mappa. Inoltre possono passare attraverso le prese d’aria per velocizzare gli spostamenti, identificare altri impostori e uccidere gli astronauti.

Lo scopo del gioco è diverso, dipende se si è astronauti o impostori:

  • astronauti: devono scoprire gli impostori e eliminarli prima di venire uccisi o sabotati
  • impostori: devono uccidere tutti gli astronauti, anche sabotando i sistemi della mappa

Una volta morto, il giocatore diventa un fantasma che potrà aiutare i membri della propria squadra. Essendo fantasmi, potranno passare attraverso i muri, ma sono visibili solamente ad altri fantasmi e possono interagire fisicamente col mondo in maniera ridotta.

Quando un giocatore si imbatte in un cadavere, lo segnala. Ciò conduce a una riunione di gruppo in cui i giocatori cercano di capire chi sia l’impostore basandosi sulle prove che hanno trovato. Una volta raggiunta la maggioranza, la persona individuata come presunto impostore viene fatta uscire dalla mappa e viene svelato se fosse o meno l’impostore. E’ anche possibile indire un incontro di emergenza.

I giocatori possono comunicare fra di loro o tramite chat vocale o con chat di testo, ma solo durante le riunioni e solo se sono vivi. I fantasmi, invece, possono parlare solamente fra di loro.

Ogni personaggio ha un colore diverso. Inoltre nel gioco sono presenti anche oggetti per personalizzare il tutto, ma a pagamento.

Among Us videogioco

Perché Among Us piace tanto?

Per cercare di capire perché Among Us piaccia così tanto, abbiamo intervistato una giovanissima giocatrice. A., dieci anni, adora i videogiochi e passa agevolmente dallo scoprire chi sia l’impostore di turno in Among Us, a sconfiggere Colossi in Legend of Zelda: Breath of the Wild. Nelle pause, si dedica a costruire case a Minecraft e a edificare la sua isola su Animal Crossing: New Horizons in stile Zelda. Tuttavia, visto che spesso la si vede ridacchiare col cellulare in mano durante una partita ad Among Us, abbiamo cercato di scoprire qualcosa di più:

D: Come hai conosciuto Among Us?
R: Ho conosciuto Among Us grazie ai miei compagni di classe

D: Perché ti piace così tanto Among Us?
R: Perché su Among Us puoi scegliere fra diverse modalità di gioco. Io gioco soprattutto a nascondino

D: Cosa cambieresti di Among Us?
R: Io su Among Us cambierei il fatto che gli impostori sono quasi sempre gli stessi

Capito sviluppatori di Among Us? Dovete puntare sulle modalità di gioco (pare che di recente sia stato inserito anche un nuovo personaggio, il Dottore) e sul fare in modo di variare di più la scelta casuale degli impostori per rendere felici i giocatori.

Videogiochi per PS5 da provare assolutamente

Foto | Screenshot dal Google Play Store

I Video di Pinkblog

Pitti Uomo 74: intervista a Marco Del Siena