Non solo attività fisica, diete e altri piccoli trucchi per restare in forma e dimagrire. Care amiche di Pinkblog, scommettiamo che avete sentito parlare negli ultimi tempi anche di ice bathing o più comunemente in italiano “bagno nel ghiacchio”. Ebbene sì, perché immergersi in un lago ghiacciato o farsi il bagno al mare in inverno sta diventando non solo una moda ma un vero e proprio toccasana per tanti. Ma andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta.

Ice bathing: cosa è e perchè farlo

L’ice bathing può sembrare una cosa strana eppure è una pratica da sempre diffusa. In modo particolare nel Nord Europa e, di recente, molto praticata anche in Italia. Alcuni esempi sono appunti i trattamenti col nuoto all’aperto o tutti quelli in una vasca con cubetti di ghiaccio. Si tratta di proposte più easy presenti anche nelle Spa o nei centri sportivi.

Ma quali sono i benefici di tali operazioni? I benefici della terapia del freddo, ovvero dell’esporre il proprio corpo ad acqua fredda o gelata, sono ancora in fase di studio. Tante ricerche, però, hanno dimostrato come l’immersione in acqua fredda (al di sotto dei 20°) o ghiacciata (tra -2 e 5°C) possa rafforzare il sistema immunitario, curare la depressione, migliorare la circolazione periferica, aumentare la libido e bruciare calorie.

Un interessante studio dell’Arctic University e dell’University Hospital of North Norway, pubblicato sull’International Journal of Circumpolar Health, ha evidenziato i pregi di questa pratica. In modo particolare è stato visto come il nuoto in acque fredde (ma non gelate) in inverno, se regolare, sia in grado di aiutare a bruciare le calorie e ridurre il grasso corporeo “cattivo”. In che modo? Abbassando il rischio di malattie (obesità, diabete e malattie cardiovascolari).

L’obiettivo dello studio era quello di determinare appunto se nuotare in acque fredde avesse appunto effetti benefici sulla salute. Dall’analisi sono stati esclusi tutti gli studi in cui i partecipanti indossavano mute o tute speciali, o si immergevano in acque con temperature superiori a 20 gradi.

La revisione degli studi ha confermato come nuotare in acque fredde abbia effetti benefici sull’organismo. L’immersione in acque fredde stimola il metabolismo e fa perdere peso. In particolare si è notato come il freddo causi di fatto un aumento della circolazione e contemporaneamente l’attivazione del tessuto adiposo bruno (BAT o grasso buono) per mantenere la temperatura corporea ideale. Tuttavia, solo se l’immersione in acqua fredda è prolungata, il corpo brucia il grasso “cattivo” (che invece immagazzina energia) e fa perdere peso.

Inoltre l’analisi dello studio ha anche dimostrato come l’esposizione del corpo all’acqua fredda generi l’aumento della produzione di adiponectina. Si tratta di una proteina che svolge un ruolo chiave nella protezione contro l’insulino-resistenza, il diabete e altre malattie. Ripetute immersioni in acqua fredda durante i mesi invernali hanno aumentato significativamente la sensibilità all’insulina e diminuito le concentrazioni di insulina sia nei nuotatori inesperti che in quelli esperti.

Immergersi nell’acqua fredda causa anche un aumento della pressione del sangue per mantenere caldi gli organi vitali, cosa che si traduce in un miglioramento della circolazione.

Non solo acqua ghiacciata per benessere e forma fisica

Va precisato, però, che l’ice bathing da solo non basta. Infatti, i ricercatori hanno spiegato come molti dei benefici per la salute collegati ad una regolare esposizione al freddo potrebbero dipendere anche da altri fattori. In modo particolare da uno stile di vita attivo, un controllo dello stress, un’alimentazione sana e una mentalità positiva. Per questa ragione è sempre bene accompagnare “il tuffo” nell’acqua fredda a tutte queste altre abitudini.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 29-09-2022