Il gazpacho, la ricetta stellata dello chef Ferran Adrià

Il gazpacho stellato da fare in casa con la ricetta facile dello chef spagnolo Ferran Adrià: ingredienti, procedimento e consigli.

Se una cosa è certa, è che il gazpacho, popolare piatto dell’Andalusia, è una delle preparazioni imprescindibili dell’estate. Se poi, a girarci la ricetta è niente di meno che lo chef spagnolo Ferran Adrià (che, per chi non lo conoscesse, è considerato il padre della cucina molecolare e è il titolare del ristorante “El Bulli“, premiato per ben 4 anni come miglior ristorante al mondo), allora non possiamo esimerci. Quasi tutti gli chef hanno la propria versione del gazpacho, ma questa devi assolutamente provarla. Pensa a quando, al prossimo aperitivo con le tue amiche, potrai sfoggiarla svelandone la vera paternità. Tornando a noi, quella del gazpacho di Ferran Adrià è una di quelle ricette stellate a prova di impediti in cucina. Chiunque – o quasi- potrebbe riuscire a farlo. Hai voglia di provarci?

La ricetta del gazpacho di Ferran Adrià

Ogni cuoco vanta una propria particolare formula per preparare questa ricetta. Oltre a variare le proporzioni, variano anche gli ingredienti. Per lo chef, che è un vero appassionato di questo piatto, il gazpacho è una preparazione magica e incredibile. Il suo più famoso è sicuramente il gazpacho di aragosta proposto per anni tra i tanti piatti di El Bulli. Oggi ti proponiamo una versione un po’ più semplice. Tra i suoi tratti distintivi, il fatto di contenere della maionese, che regala più cremosità.

Gli ingredienti

  • 1 kg di pomodori maturi
  • 70 grammi di cetriolo
  • 75 grammi di peperone rosso
  • 30 grammi di pane da semola (pane del giorno prima)
  • 1 cipollotto
  • 2-3 spicchi d’aglio
  • Sale
  • 70 grammi di olio extra vergine di oliva
  • c/n di aceto di sherry
  • 3 cucchiai di maionese
  • 120ml. di acqua (facoltativa)

La preparazione del gazpacho

  1. Lava i pomodori, elimina il peduncolo e tagliali. Sbuccia il cetriolo e privalo dei semi, elimina i semi dal peperone ed i filamenti. Lavalo e tritalo.
  2. Sbuccia la cipolla (occhio alle lacrime) e gli spicchi d’aglio (ai quali, se vuoi evitare di avere un alito pestilenziale per giorni, puoi togliere il germe interno).
  3. Metti i pomodori, il cetriolo, il peperone, la cipolla e l’aglio nel bicchiere del frullatore. Unisci il pane (se troppo duro, bagnalo con poca acqua).
  4. Frulla alla massima potenza fino ad ottenere una crema fine ed omogenea. Condisci con olio, aceto e maionese, aggiusta di sale e frulla ancora.
  5. Trasferisci il contenitore con il gazpacho in frigo e lascialo qui in modo da gustarlo freddo.

Qualche consiglio

Ti consigliamo di consumare il gazpacho andaluso molto freddo ma di evitare, se possibile, di aggiungere il ghiaccio, che tende ad annacquarlo. Gli spicchi di aglio, come suggerisce lo stesso chef, possono essere sbollentati tre volte. Una volta pronto, prima di condirlo, puoi passare il gazpacho con un colino al fine di renderlo più fine. Servi il gazpacho in un piatto fondo o in una ciotola distribuendo sopra i crostini e completando con un filo di olio extravergine di oliva. Puoi aggiungere, infine, una foglia di basilico, che oltre che profumo, regala un tocco di colore.
Photo by Sara Dubler on Unsplash