Cos’è successo nella settimana dal 28 dicembre al 3 gennaio in televisione? Essendo stata la settimana a cavallo tra le feste di Natale e Capodanno ovviamente ci sono stati pochi programmi in televisione e probabilmente a far scalpore sono stati proprio quelli della notte di San Silvestro. Iniziamo con L’Anno che verrà con Amadeus andato in scena su Rai 1 in diretta dagli studi Fabrizio Frizzi (ex Dear) di Roma.

Gianni Morandi insieme ad Arisa, Piero Pelù, Umberto Tozzi, Raf, JAx, Rocco Hunt, Bomdabash, Shade, Rita Pavone, Gigi D’Alessio, Clementino, Leroy Gomez dei Santa Esmeralda, Gaia, Annalisa, Viktorija Mihajlović, Nino Frassica hanno allietato la serata del pubblico della Rete Ammiraglia della Tv di Stato. Nello specifico a far discutere è stata l’esibizione di Raf insieme all’amico e collega Tozzi: i due hanno duetto sulle note del grande classico Infinito, tuttavia il gobbo si è rotto e i due hanno dimenticato le parole del famoso brano (cantato e portato al successo proprio dallo stesso Raf).

Tante le critiche su Twitter a cui lo stesso cantante ha risposto con un tweet che però poi è “magicamente” sparito. “Ripeto se la struttura dei brani non è quella originale l’unico riferimento è il gobbo. La sera del 31 non so per quale assurda ragione ci suggeriva una versione diversa da quella che avevano provato e archiviato la sera prima”, ha replicato alla giornalista Marinella Venegoni.

Il meglio e il peggio della settimana in tv: cos'è successo dal 28 dicembre al 3 gennaio?

La caduta di stile di Alfonso Signorini

Quest’anno per Capodanno Canale 5 ha deciso di rinunciare al classico concerto condotto da Federica Panicucci, per una puntata speciale del Grande Fratello Vip. L’unico neo è stato che dopo la mezzanotte gli autori hanno pensato bene di inserire un momento dedicato a tutti i vip scomparsi nel 2020: peccato però che i concorrenti rinchiusi ormai da mesi nella casa più spiata d’Italia non erano al corrente di alcune morti celebri.

Sean Connery, Gigi Proietti, Stefano D’Orazio dei Pooh, Maradona (l’unico di cui erano venuti a conoscenza) e Paolo Rossi: questi i personaggi famosi elencati a gran voce dal padrone di casa Alfonso Signorini tra lo stupore e le lacrime dei ragazzi in gara nel reality show. In particolare a piangere quasi fino alla disperazione è stata Maria Teresa Ruta, soprattutto alla notizia della morte di Paolo Rossi, visto che la carriera della conduttrice è iniziata proprio nel mondo del giornalismo calcistico.

Il Capodanno russo che imita l’Italia

A diventare virale però è stato sicuramente Ciao 2020!, una parodia fatta dalla trasmissione satirica russa Evening Urgant: un’ora di show per ironizzare sulla tv italiana degli anni Ottanta. Basti pensare però che artisti del Bel Paese come Pupo, Al Bano e Toto Cutugno, o ancora i Ricchi e Poveri vengono considerati dei veri e propri idoli in Russia.

Il più celebre presentatore televisivo russo Ivan Urgant si è trasformato così nell’italianissimo Giovanni Urganti accompagnato da comici, donne mezze nude e cantanti (tra loro Filipp Kirkorov, Zivert, Little Big visti recentemente in gara all’Eurovision Song Contest, Niletto e Klava Koka), le cui canzoni hanno ormai fatto il giro del web, diventando molto popolari.

Iscriviti alla nostra newsletter
I video di Pinkblog Guarda di più
Altro su Televisione Leggi tutto