Il perfetto brodo per i tortellini della Vigilia dello chef Barbieri

Il brodo per i tortellini della Vigilia dello chef Barbieri, perfetto per la tradizionale cena del 24 dicembre in famiglia.

Il perfetto brodo per i tortellini della Vigilia dello chef Barbieri ti aspetta. Non hai scuse: quest’anno, date le restrizioni del DPCM del 4 dicembre, probabilmente dovrai farlo tu. Poco male, non entrare nel panico. Uno, perché comunque lo mangeranno al massimo marito e bambini; due, perché farlo con la ricetta dello chef è semplicissimo, non temere, non puoi sbagliare. Basta che ti procuri tutti gli ingredienti e che ti metti ai fornelli. Probabilmente cenare la sera della vigilia di Natale con i tortellini in brodo sarà l’unico modo per normalizzare questa ricorrenza che, quest’anno, di normale non avrà proprio nulla. Aspetta, non cercare scuse: anche se deciderai di condire i tortellini in altro modo, lo chef ricorda che dovrai cuocerli nel brodo (non avevi mica pensato di utilizzare l’acqua)?

 

Il perfetto brodo per i tortellini della Vigilia dello chef Barbieri

La ricetta del brodo per tortellini dello chef Barbieri

Per il brodo lo chef utilizza 4 o 5 litri di acqua in modo da coprire bene tutti i pezzi di carne. Per quanto riguarda il cappone utilizza preferibilmente la parte della coscia. Per quanto riguarda la gommosa di manzo, infine, usa pure il biancostato o doppione (ovvero la parte del bovino che si trova nella parte intercostale tra il dorso e il petto).

Ingredienti del brodo per tortellini dello chef

¼ cappone
1 pezzo di gommosa di manzo da circa ½ chilo
1 gambo di sedano
3 carote lavate e non sbucciate
1 cipolla sbucciata e tagliata a metà
1 foglia alloro
pepe in grani

Preparazione del brodo per i tortellini della Vigilia

Prima di iniziare, una precisazione. In quanto alle dosi di sedano, carota e cipolla, sappi che queste dovranno essere, rispetto alla quantità di acqua, in una proporzione del 20% per il sedano, e del 40 per carota e cipolla.

Affettali e mettili in una pentola a freddo insieme a tutti gli altri ingredienti, acqua compresa. Accendi la fiamma e porta a bollore. Da questo momento fai sobollire un paio d’ore. Abbi cura di eliminare man mano, con una schiumarola, le impurità che saliranno a galla. Ma non anche il grasso, che serve a dare sapore. Non salare ancora. Trascorse le due ore togli la pentola dal fuoco e preleva la carne e le verdure con delicatezza, al fine di mantenere limpido il brodo. Preleva il brodo che ti servirà per la cottura dei tortellini e tienine un po’ da parte per l’aggiunta nei piatti. Il brodo della cottura andrà leggermente salato, aggiungi i tortellini e portali a cottura, quindi scolali e mettili nei piatti fondi. Unisci il brodo tenuto da parte che potrai salare o meno, a seconda dei tuoi gusti.

Allora, sei pronta per metterti all’opera? In fondo non ti stiamo mica chiedendo di fare anche i tortellini (operazione ben più complicata, fidati). E poi, saper cucinare il brodo ti tornerà utile anche in futuro, è un toccasana anche contro i malanni di stagione. Ora che hai il primo non ti resta che abbinare un secondo (potresti osare con il tacchino ripieno di Gordon Ramsey) e il dolce. Che ne dici del panettone di Iginio Massari?

Via | brunobarbieriblog

Photo | iStock

I Video di Pinkblog