La salute diventa hi-tech, sempre più italiani si affidano alle App

Gli italiani nel periodo post-pandemia si affidano ad app e devices per monitorare la propria salute: leggi i risultati del sondaggio di MioDottore

Come ci prendiamo cura della nostra salute da quando è scoppiata la pandemia di Covid? Come era prevedibile, il mondo post-pandemia è per molti aspetti diverso rispetto a quello che ha preceduto questo particolare periodo storico.

Molte nostre abitudini sono cambiate, e fra queste vi sono anche quelle che riguardano la salute. A far luce sull’argomento è una nuova indagine condotta attraverso la piattaforma web MioDottore, che si pone l’obiettivo di semplificare le prenotazioni on line di visite mediche e di mettere in contatto specialisti e pazienti.

Dalla recente indagine condotta su tutto lo Stivale, è emerso che la pandemia ha modificato molto il nostro approccio nei confronti della tecnologia in tema di salute. Di certo a determinare un simile cambiamento sono state le restrizioni che abbiamo affrontato (e che stiamo tuttora affrontando) per limitare la diffusione dei contagi.

© Foto di magica da Pixabay

Distanziamento sociale, tamponi e quarantene ci hanno portati a ricorrere più spesso alla tecnologia e ai consulti on line per prenderci cura della nostra salute.

Purtroppo però, ciò che è emerso dall’indagine è che dal 2019 a oggi la percentuale di persone che si prendono abitualmente cura del proprio benessere (sottoponendosi alle consuete visite e a check up regolari) è diminuita molto, passando dal 94% al 65%. Ciò significa che molte persone stanno trascurando il proprio benessere, probabilmente posticipando visite e controlli a un periodo post-pandemia più sereno.

Questa scelta comporta però molti rischi per la salute. Anche durante la pandemia è infatti importante sottoporsi ai consueti controlli medici, per non rischiare far aggravare condizioni altrimenti facilmente gestibili.

Per la propria salute, sempre più italiani usano App e device

salute
© Foto di FitNishMedia da Pixabay

Dall’indagine è anche emerso che, rispetto al periodo pre-pandemia, gli italiani sono diventati molto più “tecnologici”. Se nel 2019 era solo 1 italiano su 10 a usare dispositivi hi-tech (come App, contapassi e altri device), oggi il 69%  dichiara di usare dispositivi hi-tech e App per migliorare il proprio benessere.

Fra i dispositivi più apprezzati dai nostri connazionali vi sono:

  • Smartphone (usato dal 59% degli intervistati)
  • Contapassi (16%)
  • Fitness watch (8% degli intervistati).

Fra le app per la salute più scaricate vi sono invece quelle dedicate a dieta e sana alimentazione, seguite dalle app per monitorare la pressione e da quelle che monitorano la regolarità del ciclo mestruale.

Per finire, il 18% dei partecipanti ha scaricato un’app per prenotare visite mediche direttamente dal proprio smartphone o dal tablet. I partecipanti al sondaggio hanno anche affermato che, in futuro, vorrebbero poter consultare il proprio medico mediante videochiamata. Ciò riguarda soprattutto chi deve rivolgersi a psicologi, medici di medicina generale e cardiologi.

Luca Puccioni, CEO di MioDottore, ha così commentato i risultati emersi dall’indagine:

Durante la pandemia in piena emergenza sanitaria, siamo riusciti con rapidità a lanciare il programma di video consulenza online per consentire alle persone di fare comunque visite mediche da remoto – abitudine finora inedita per il nostro Paese. In questa fase di nuova normalità non vogliamo che gli italiani trascurino la propria salute riducendo check up regolari e importanti azioni di prevenzione, e per questo per noi è fondamentale comprendere le loro mutate esigenze e i desiderata per il futuro, al fine di sviluppare soluzioni e servizi capaci di soddisfarli.

E tu quali App e dispositivi usi per prenderti cura della tua salute?