Tatuaggi Royal Family: cosa dice il protocollo?

Tatuaggi e Royal Family, cosa dice il protocollo della Casa Reale inglese? I membri della famiglia di Sua Maestà possono avere un tattoo.

Tatuaggi e Royal Family, è consentito ai membri della Casa Reale inglese o agli appartenenti ad altre stirpi nobiliari sfoggiare un tattoo? Il protocollo britannico, ma anche quello di altre casate di regnanti sparsi per tutto il vecchio continente, di solito è molto ferreo e non transige su alcuni aspetti che per noi comuni mortali sono l’assoluta normalità. Non è facile essere un principe o un conte.

Per quello che riguarda la famiglia reale inglese sappiamo che il protocollo ha regole rigide per quello che riguarda l’aspetto fisico. E la Regina Elisabetta II ci tiene particolarmente e chiede a tutti di non violare i dogmi che lei dà per scontati. ad esempio le donne non possono indossare vestiti troppo corti, non possono sfoggiare rossetti troppo appariscenti, se hanno il cappotto è meglio non toglierlo. Inoltre, le donne devono sempre avere una pochette con loro, per tenere le mani occupate e non dover stringere quelle dei sudditi che provano ad avere questo contatto fisico, assolutamente vietato per la Corona. La Regina inglese ha anche regole precise per quello che riguarda i collant.

E per quello che riguarda i tatuaggi, cosa ne pensa la sovrana del Commonwealth? Si potrebbe pensare che, visti i divieti che vigono a Buckingham Palace, i tattoo non sono visti di buon occhio. Ma in realtà le cose non stanno proprio così. La Regina vi sorprenderà anche questa volta. E non per i suoi completini colorati (che, per la cronaca, servono per farsi notare in mezzo alla folla).

Elodie, i tatuaggi della cantante e il loro significato

Tatuaggi e Royal Family

Tatuaggi, la Royal Family è favorevole o contraria?

Da secoli la famiglia reale ha una lunga tradizione di tatuaggi, a dispetto di quello che si potrebbe invece pensare. Ad esempio alcuni membri della Royal Family hanno realizzato dei tattoo sulla loro pelle già alla fine del 1800. Nel protocollo non esiste una regola specifica, anche se è raro che un parente di Sua Maestà opti per la strada del tatuatore.

Nel 1862 fu Albert, il principe di Galles, futuro re Edoardo VII, a tatuarsi un disegno sul corpo: durante una visita in Terra Santa, decise di farsi realizzare una croce di Gerusalemme sul braccio. 20 anni dopo il figlio, il principe Giorgio del Galles, nonno di Elisabetta e futuro re Giorgio V, si fece tatuare in un viaggio in Giappone. Aveva solo 16 anni quando scelte un drago e una tigre. Anche il fratello Albert optò per un tattoo: pare avesse un paio di cicogne. Mentre Giorgio un grande drago sul braccio.

In passato si era detto che il Principe William, secondo in linea di successione al trono inglese, aveva pensato di realizzare un tatuaggio. Ma pare che poi abbia rinunciato. Alcuni parenti alla lontana, invece, hanno avuto il coraggio di andare da un tatuatore. Come Lady Amelia Windsor che ne ha diversi, ad esempio una tigre sulla spalla sinistra.

E le altre famiglie reali che ne pensano?

In giro per l’Europa non esistono regole precise negli altri casati di nobili origini, tanto che sono diversi i Royals che hanno scelto di farsi tatuare qualche disegno. La Principessa Sofia di Svezia ha un sole sulla spalla, mentre Frederik di Danimarca ne ha molti, tra cui uno squalo che ha realizzato ai tempi del servizio in Marina. Anche la principessa Stephanie di Monaco ne ha molteplici, come addirittura un drago sulla schiena.

Tatuaggi tra sorelle: i più belli e per sempre

Foto Getty

Ultime notizie su Tatuaggi

Tutto su Tatuaggi →