Tortello in falso magro di Pino Cuttaia, la ricetta da fare in casa

Tortello in falso magro di Pino Cuttaia, la ricetta da fare in casa che tutti, con una buona dose di volontà, possono preparare.

Pino Cuttaia lo conosciamo tutti: sua è la ricetta del tortello in falso magro che ti invitiamo a provare per goderti, insieme a chi vuoi, un piatto sicuramente elaborato, ma anche fattibile da noi comuni mortali con un pizzico di buona volontà.

La ricetta del tortello in falso magro

Attenzione: astenersi poco pazienti: la preparazione del tortello in falso magro che, se non si fosse capito, è molto più che un primo piatto a base di pasta ripiena, ne richiede una buona dose. Forza! Alla fine sarai soddisfatta del lavoro e lusingata dalla valanga di complimenti che ti arriveranno (se non altro per l’impegno).

Ingredienti per la sfoglia

  • 250 g di farina
  • 2 uova intere
  • 4 tuorli

Ingredienti per il ripieno

  • 200 g di Ragusano DOP
  • 50 g di cipollotto
  • 40 g di gambi di prezzemolo

Ingredienti per la terrina di mortadella

  • 750 g di mortadella
  • 750 g di panna fresca
  • 5 fogli di colla di pesce
  • 10 uova di quaglia

Per guarnire

  • Tartufo nero
  • Olio extravergine di oliva

Tortello in falso magro di Pino Cuttaia, la ricetta da fare in casa

Preparazione del tortello in falso magro

Per la sfoglia: versa la farina sul piano di lavoro, crea una fontana ed unisci al centro le uova intere e i tuorli. Impasta energicamente ed a lungo. Crea un panetto e fallo riposare, coperto, per circa 30 minuti a temperatura ambiente.

Per il ripieno: versa il Ragusano a cubetti in una ciotola resistente al calore. Fallo fondere a bagnomaria fino ad ottenere una crema liscia. Una volta freddo, unisci il cipollotto ed il prezzemolo tritati finemente e trasferisci il composto in una sac a poche con bocchetta liscia da 1 cm.

Adesso stendi la pasta ricavando una sfoglia sottile. Distribuisci nella parte superiore delle palline di ripieno aiutandoti con la sac a poche e rispettando una distanza di 4 cm tra di esse, quindi piega la sfoglia su se stessa e chiudi bene i tortelli pizzicandoli con le dita. Tagliali con la rotella dentellata che tiri fuori per le grandi occasioni.

Per la terrina: fai rassodare le uova di quaglia e, una volta fredde, sgusciale con delicatezza. Metti a bagno la colla di pesce in acqua fredda. Mentre riposa, taglia la mortadella a cubetti senza mangiarla tutta tra un taglio e l’altro. Mettila nel termomix (oppure ancora a bagnomaria) e portala a 70°C prima di unire la panna. Frulla per 3-4 minuti, fino ad ottenere una sorta di patè e trasferisci in una terrina. Mentre è ancora caldo, resisti alla tentazione di andare a prendere un cucchiaino (e, men che meno, di intingere direttamente il dito) e unisci la colla di pesce strizzata. Mescola e versa metà del composto in uno stampo a cassetta. Allinea le uova di quaglia e copri con il resto del composto. Premi bene con le mani e trasferisci in frigo per 2 ore.

Componi il piatto: fai cuocere i tortelli in acqua salata bollente. Estrai dallo stampo la terrina e tagliala a fette. Disponi i tortelli nei piatti, poni sopra una fetta di terrina e completa con un filo d’olio, una foglia di prezzemolo e una grattata di tartufo.

Via | Reportergourmet

Photo Credit | Unplash

I Video di Pinkblog

Milano Moda 2011: Celebrities alla sfilata Dolce&Gabbana S/S 2012