La dieta per mantenere l'abbronzatura e avere una pelle luminosa

Un'abbronzatura perfetta, uniforme, luminosa e... duratura. Un sogno? No, se si punta su una corretta alimentazione che aiuti la pelle a mantenersi ben colorata e sana. Vediamo i cibi su cui puntare


Per ottenere e soprattutto mantenere a lungo un'abbronzatura perfetta, quindi intensa, omogenea e luminosa, bisogna necessariamente partire da una buona base. Il che equivale a dire che una pelle ben abbronzata è, prima di tutto, una pelle sana.

Un bel colorito bruno-dorato, quello che ci conferisce immediatamente un aspetto più giovane e vitale, è in realtà una vera conquista, oltre che il risultato di una corretta esposizione al sole.

Prendersi cura della propria epidermide tutto l'anno, esfoliarla, nutrirla e idratarla adeguatamente sono senza dubbio misure necessarie per mantenere la cute elastica e tonica. Tuttavia, se vogliamo che la nostra tintarella estiva duri il più a lungo possibile, non possiamo scordarci dell'alimentazione. E' il cibo - quello giusto - infatti, la prima e più efficace cura della pelle.

Mangiare bene significa nutrire e idratare dall'interno l'epidermide, significa combattere i radicali liberi che portano processi di invecchiamento precoce, significa regalarle già prima dell'esposizione ai raggi solari quel colorito sano che ci mette ben poco a trasformarsi in un'abbronzatura da sogno. Quali sono gli alimenti da inserire in una dieta per mantenere la tintarella? Bé... non si sfugge: frutta e verdura, a volontà!

Cerchiamo, però, di preferire tutti gli ortaggi e i frutti color giallo-arancio, perché proprio questa qualità cromatica ci indica che si tratta di prodotti ricchi di beta-carotene, un antiossidante precursore della vitamina A che fa bene alla pelle e soprattutto le dona quel quid di "doratura" naturale in più che rinforza l'abbronzatura. Quindi largo a carote e zucche gialle, a meloni e pesche, albicocche, nespole, percoche e peperoni eccetera.

Altri alimenti si cui puntare, in grado di mantenere la pelle idratata e impedire che perda pigmento sono le angurie, l'olio extravergine d'oliva (prezioso per il contenuto in vitamina E), tutti i frutti e le verdure rossi (pomodori, mirtilli, fragole eccetera, ugualmente ricchi di carotenoidi), noci e mandorle (anch'esse miniere di oli nutrienti e vitamina E), semi di lino e ortaggi a foglia verde che aiutano il beta-carotene a venir trasformato in vitamina A dal corpo. Importante anche bere tanta acqua e limitare il consumo di zuccheri raffinati e lieviti (ad esempio pane o pizza appena sfornati) perché tendono a favorire processi ossidativi della pelle.

Foto| via Pinterest

  • shares
  • Mail