Abbronzatura perfetta, come conservare la tintarella con i consigli di Pinkblog

Al rientro dalle vacanze al mare la nostra abbronzatura è al top, ma come facciamo a mantenerla a lungo? Vediamo qualche consiglio da seguire


Di rientro dalle vacanze al mare la nostra abbronzatura è davvero perfetta: dorata, uniforme, luminosa. Insomma, noi ci sentiamo splendide sirenette pronte a far invidia a tutte le nostre amiche "pallide" rimaste in città.

Tuttavia, si fa presto a perdere quell'incarnato bronzeo, basta una settimana senza sole, in balìa dello smog metropolitano o, semplicemente, chiuse tra le pareti domestiche o dell'ufficio, per cominciare il triste processo di "scoloritura".

Ecco perché tutte noi, una volta raggiunto il "punto" di colore perfetto della nostra tintarella, vorremmo restare così in eterno, ben sapendo che questo non è possibile. Tuttavia, rallentare la perdita dell'abbronzatura e mantenere un aspetto sano e colorito a lungo si può, basta seguire qualche semplice consiglio. Ad esempio, contrariamente a quanto si possa pensare, evitare di esfoliare la pelle abbronzata, anche semplicemente di stimolare la circolazione con il guanto di crine sotto la doccia non aiuta a mantenere l'abbronzatura.

Ciò che rimane, infatti, sono solo cellule morte "colorate", che conferiscono alla cute un aspetto vecchio e smorto, assolutamente antiestetico. Quindi sia durante il periodo delle esposizioni al sole, che dopo, continuiamo a prenderci cura della pelle esfoliandola con prodotti molto delicati e soprattutto nutrendola con oli e creme che potenzino l'effetto e la durata della tintarella. Tra questi sicuramente un posto d'onore lo assegniamo all'olio di cocco, ma anche quello di carota, che con il suo naturale colore dorato, ci aiuterà a mantenere una pelle naturalmente abbronzata.

Per lavarvi evitate, però di fare bagni prolungati (che desquamano la pelle), e preferite le docce, usando detergenti molto delicati che non lavano via l'abbronzatura. Ad esempio il sapone di Marsiglia o, ancor meglio, il sapone di Aleppo, naturali e protettivi dell'epidermide, sono ideali. Una volta alla settimana potete, però, concedervi un bel bagno "colorante" al tè, usando tante comuni bustine di tè nero. Veniamo all'alimentazione.

Per mantenere l'abbronzatura a lungo la pelle deve essere idratata dall'interno, quindi bevete tanta acqua, soprattutto al mattino, così come tisane e succhi di frutta freschi. A proposito di frutta e verdura, sono fondamentali per mantenere il colore della pelle, perciò privilegiate tutti gli ortaggi e i frutti ricchi di beta-carotene, un pigmento precursore della vitamina A con effetto antiossidante e anti-age.

Lo trovate in tutti gli alimenti vegetali gialli e giallo-arancio, come zucche e meloni, carote, cachi, pesche, albicocche, peperoni eccetera. Mangiate anche cibi ricchi di vitamine D ed E e omega 3, che fanno bene alla pelle, come il pesce azzurro e il salmone, la frutta secca in guscio, l'olio extravergine d'oliva a crudo, l'avocado, le uova. E... se proprio la tintarella si fosse sbiadita troppo, potete sempre optare per un buon autoabbronzante!

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail