A cosa serve l'Ascriptin e come si assume?

L'Ascriptin contiene tra i suoi principi attivi l'acido acetilsalicilico, in combinazione con il magnesio idrossido e l'alluminio ossido idrato. Scopriamo insieme quando è prescritto.

Ascriptin

L'Ascriptin è un farmaco venduto sotto forma di compresse che al suo interno contiene 300 milligrammi di acido acetilsalicilico, 80 milligrammi di magnesio idrossido, 91,50 milligrammi di alluminio ossido idrato, che corrispongono a 70 milligrammi di alluminio idrossido, più altri eccipienti. E' un farmaco che viene venduto esclusivamente su prescrizione medica.

L'Ascriptin viene utilizzato per prevenire eventi atero-trombotici maggiori, dopo un infarto miocardico, dopo un ictus cerebrale, dopo attacchi ischemici transitori, in pazienti che soffrono di angina pectoris instabile o stabile cronica. Inoltre viene usato per prevenire la riocclusione dei by pass aorto-coronarici e nell'angioplastica coronarica percutanea transluminale, per prevenire eventi cardiovascolari in pazienti che soffrono di malattia ateromasica conclamata, sindrome di Kawasaki, nei pazienti in emodialisi. E' impiegato anche come analgesico, antipiretico e antinfiammatorio in caso di reumatismo, artrite reumatoide, mal di testa e nevralgie, dolori mestruali, articolari, muscolari.

Il farmaco viene solitamente prescritto agli adulti, ma nei bambini con età inferiore a 16 anni può essere utilizzato in caso di artrite reumatoide, malattia reumatica, malattia di Kawasaki oltre che come antiaggregante piastrinico. Le dosi per gli adulti come antiaggregante piastrinico sono le seguenti: una compressa o mezza compressa al giorno. Come analgesico, antipiretico e antireumatico, invece, va assunto con 1 o 2 compresse dalle 2 alle 4 volte al giorno, secondo indicazione medica.

Non va assolutamente usato in caso di ipersensibilità al principio attivo o ai suoi eccipienti, di malattia ulcerosa gastro duodenale, diatesi emorragica, grave insufficienza epatica, mentre nel terzo trimestre di gravidanza non va usato con dosi superiori a 100 milligrammi al giorno. Inoltre non va usato in caso di affezioni virali perché si rischia l'insorgenza della Sindrome di Reye.

Foto | sanborns

Via | Torrinomedica

  • shares
  • Mail