Pulizie domestiche con l'aceto: dove non deve mai essere usato?

L'aceto bianco è un'ottima soluzione naturale per le pulizie domestiche, ma non può essere usato su ogni superficie

Fra i rimedi delle nonne per la pulizia naturale della casa, di certo l'aceto bianco è uno dei prodotti più gettonati. Che si usi sulle piastrelle, sui vetri o per far splendere l'acciaio inossidabile, questo valido aiutante di ogni massaia, dà sempre degli ottimi risultati a livello di splendore e igiene. Tuttavia, fra tante doti positive, ce ne sono anche alcune negative legate alla sua componente acida, qualità che lo rende inutilizzabile su alcune superfici per non correre il rischio di rovinarle.

Tanto per cominciare, se è vero che l'inox risplende dopo un trattamento con l'aceto, è altrettanto vero che sulla componentistica del ferro da stiro l'effetto non è altrettanto esaltante. Anzi, si corre il rischio di compromettere le parti interne di questo elettrodomestico rendendolo poi inutilizzabile. Molto meglio seguire le istruzioni di pulizia e manutenzione della casa produttrice per non combinare pasticci.

Aceto_mele_pulizia

E ancora, guai a versare l'aceto sui parquet, soprattutto se oliati. Se da una parte infatti l'acidità di questo liquido aiuta a disinfettare e pulire lo strato superficiale del pavimento in legno, dall'altra rischia di opacizzarlo e rovinarlo. Ancora una volta, meglio essere delicati e usare prodotti appositi che puliscano senza interferire con l'aspetto e la salute della superficie da trattare.

Stessa cura bisogna avere nei confronti della pietra naturale, molto usata per i rivestimenti delle case rustiche così come quelle cittadine. Le pietre e i marmi, anche se possono sembrare dei blocchi resistenti al tempo e all'usura, sono in verità particolarmente sensibili agli agenti acidi che ne rovinano il rivestimento superficiale.

Infine, sebbene l'aceto sia molto usato anche nei lavori di lavanderia per smacchiare e fissare i colori, ci sono alcuni tessuti che proprio non tollerano la sua azione. Quali? Ovviamente i più delicati, come le sete e le lane. Per eliminare eventuali macchie su queste stoffe è meglio usare prodotti appositi o ancora affidarsi a professionisti, in grado di tutelare i nostri capi pregiati restituendoceli ben puliti e integri.

Foto | da Flickr di AndyRobertsPhoto

  • shares
  • Mail