Abito da sposa vintage: perché sceglierlo

Dovete sposarsi e state decidendo quale abito comprare e indossare? Quello vintage ha i suoi vantaggi e va anche di moda…

di amedda

Il 2022 è stato e lo è ancora l’anno di ripresa anche per il settore wedding. Ebbene sì, perché i dati sui matrimoni hanno rivelato come ci sia stato, finalmente, un’inversione di tendenza rispetto ai precedenti anni con le coppie che hanno ricominciato a dirsi ufficialmente il fatidico “sì”. Se anche voi, care amiche di Pinkblog, state pensando di compiere questo grande passo, eccoci a darvi qualche suggerimento sull’abito da sposa sottolineando come il vintage, oltre ad essere incredibilmente alla moda, possa avere tanti altri vantaggi.

Abito da sposa vintage: perché sceglierlo

Se cercate un vestito veramente originale considerate l’idea di comprare un abito da sposa vintage. Si tratta di una soluzione che sta prendendo sempre più piede perché ha molti vantaggi, sia di carattere economico sia di bellezza e in salvaguardia dell’ambiente.

Ebbene sì, perché le silhouette anni Venti o anni Cinquanta sono sempre affascinanti oltre che essere dei pezzi unici e sostenibili. Gli abiti vintage non sono più un vezzo da mercatini come si potrebbe pensare. Infatti, persino le star li adorano e li usano ai loro matrimoni. Non ci credete? Poco tempo fa vi avevamo parlato di Jennifer Lopez che ha sposato Ben Affleck ripescando un vecchio abito dal suo armadio. Una tendenza seguita da tante altre stelle e non solo.

Gli atelier, a proposito di abiti da sposa vintage, hanno un’ampia selezione, anche a noleggio: ogni abito è unico e speciale e col passare del tempo diventa un vero e proprio reperto prezioso dell’epoca in cui è nato.

Detto della loro bellezza e anche del risparmio che si potrebbe avere per le proprie tasche, non meno importante è l’impatto ambientale. Scegliendo un abito vintage e riciclato si dà uno sguardo alla sostenibilità per avere un matrimonio “green” ma allo stesso tempo unico e indimenticabile.