Come prendersi cura dei tatuaggi in estate sotto il sole e al mare

Come prendersi cura dei tatuaggi in estate? Ecco tanti suggerimenti per non rovinare il disegno che abbiamo fatto sulla pelle.

Il sole non sempre è amico della nostra pelle. Quando esponiamo il corpo in spiaggia o in piscina, ma in linea di massima sempre, almeno nelle parti in cui i raggi solari colpiscono, dovremmo sempre scegliere una crema solare idonea, per evitare di incappare in problemi di salute più o meno gravi. Prevenzione e protezione sono le parole d’ordine. Anche se decidi di farti un tattoo proprio nel periodo più hot dell’anno. Come prendersi cura dei tatuaggi in estate ed evitare di vanificare quanto sofferto sul lettino dell’artista?

I migliori tatuatori di solito sconsigliano di cedere alla tentazione di un nuovo tattoo nei mesi estivi. Perché è più difficile seguire quelle piccole regole che servono a non vanificare ore trascorse nel loro studio di tattoo. Il sole potrebbe farlo sbiadire, i bagni in mare e anche il sudore potrebbero rovinarlo e noi potremmo dover fare i conti con procedure per fare in modo che non si rovini che ci potrebbero indurre a credere che forse avremmo dovuto pensarci prima, in primavera. O rimandare tutto a settembre.

Se però la tua voglia del primo tatuaggio o dell’ennesimo di una lunga serie (ricordati però che i tatuaggi devono essere dispari sempre, secondo una leggenda che circa da decenni), allora non ti perdere d’animo e segui i consigli che gli esperti del settore danno per evitare che il disegno sulla tua pelle si rovini ancor prima di averlo mostrato al mondo intero.

Le regole sono poche, ma chiare. Basta solo avere voglia di seguirle. E fare un po’ attenzione per qualche giorno. Il tatuaggio e anche il tuo tatuatore di fiducia ti ringrazieranno per questa cura.

Come prendersi cura dei tatuaggi in estate

Beauty routine per tatuaggi in estate

Il primo consiglio che sentiamo di darti è quello di seguire scrupolosamente le indicazioni del tuo tatuatore. La cura di un tatuaggio è quasi sempre la stessa, ma ognuno ha le sue teorie. Seguiamole visto che l’opera d’arte che portiamo impressa sul nostro corpo è sua.

In secondo luogo è bene sapere che dopo aver fatto un tatuaggio è assolutamente vietato fare bagni al mare o prendere la tintarella in spiaggia o in piscina per almeno due settimane. Quindi non prenotate l’appuntamento per un nuovo tattoo a ridosso della partenza delle vacanze.

Meglio optare in estate per tatuaggi piccoli, non per lunghe sedute estenuanti nello studio del tatuatore. Complici il caldo, il sole e il sudore potremmo avere problemi ancor prima che il disegno sia finito. Prima di andare dal tatuatore ricordati di preparare la pelle, magari con uno scrub e con un buon idratante. E ricordati anche di fare la ceretta se si tratta di una zona del corpo in cui è necessario togliere un po’ di peli.

Se noti che c’è qualcosa che non va sulla palle (arrossamenti, gonfiori, prurito eccessivo), chiedi subito consiglio al medico: potresti avere un’infezione, perché forse non hai curato bene il tuo tatuaggio. Utilizziamo sempre creme emollienti e naturali per trattare la zona, così la pelle sarà più elastica.

Foto di Pexels e di Free-Photos da Pixabay

Ultime notizie su Tatuaggi

Tutto su Tatuaggi →