Matrimonio dopo tanti anni di convivenza: perché si sceglie di sposarsi?

Matrimonio dopo tanti anni di convivenza: perché alcune coppie scelgono di sposarsi? Scopri quali sono i possibili motivi di questa scelta

Matrimonio dopo tanti anni di convivenza: perché tante persone scelgono di compiere questo passo? E a conti fatti, è meglio la convivenza o il matrimonio? In realtà una risposta chiara e netta per questa domanda non esiste. Se una coppia desidera vivere insieme, ma non ha la possibilità o l’intenzione di sposarsi, questa scelta non è né migliore né peggiore rispetto a quella di una coppia che sceglie invece di optare per un matrimonio in chiesa o per un matrimonio al comune.

Si tratta essenzialmente di decisioni personali. Al giorno d’oggi tanti ragazzi e ragazze scelgono sempre più spesso la convivenza per vari motivi.

In questo articolo vogliamo scoprire perché alcune persone scelgono la convivenza mentre altre optano invece per l’abito bianco e il fatidico “si” in Chiesa o al Comune, e vogliamo anche cercare di scoprire perché, dopo tanti anni di convivenza, alcune coppie potrebbero scegliere di sposarsi.

Perché si sceglie la convivenza?

Matrimonio dopo tanti anni di convivenza
© Pixabay

Prima di scoprire cosa spinga tante persone a scegliere la convivenza anziché il matrimonio, facciamo una piccola premessa: non sempre la scelta è dettata dal romanticismo. O meglio, alla base ci sarà senz’altro la voglia di stare insieme, ma talvolta a spingere due persone verso la convivenza è anche un fattore economico o logistico. Vediamo dunque quali sono le ragioni che spingono tante persone a optare per la convivenza:

  • Possibilità di trascorrere più tempo insieme
  • Mettere alla prova la relazione in un contesto quotidiano, prima del matrimonio
  • Avere una maggiore intimità e privacy
  • La consapevolezza di voler trascorrere il resto della vita insieme al/alla partner
  • Condividere le spese di casa e risparmiare denaro
  • Andare a vivere insieme senza dover sostenere le spese di un matrimonio
  • Non dover fare spostamenti lunghi per poter trascorrere del tempo insieme.

Come avevamo accennato, non tutte le ragioni sono “romantiche”, ma hanno comunque un loro senso e una logica. La convivenza può essere la scelta ideale per quelle coppie che vogliono vivere insieme ma che non hanno la possibilità economica di sposarsi. Può essere anche la scelta migliore per chi “non crede nel matrimonio” in quanto atto giuridico vincolante.

Altre persone, come abbiamo visto, scelgono la convivenza come forma di “test” prima delle nozze. Tu cosa ne pensi di queste motivazioni? E tornando alla nostra prima domanda, quali potrebbero essere i motivi per organizzare un matrimonio dopo tanti anni di convivenza?

Matrimonio dopo tanti anni di convivenza: perché sceglierlo?

© Pixabay

In realtà, anche in questo caso, le ragioni possono essere molteplici. C’è chi decide di sposarsi dopo la convivenza perché, dopo aver messo alla prova la relazione, è pronto/a per fare il grande passo. C’è chi invece decide di farlo per una questione giuridica, perché attraverso il vincolo del matrimonio potrebbe vedere riconosciuti maggiori diritti rispetto a quelli previsti per le coppie conviventi non sposate. O ancora, questa scelta potrebbe essere dettata dalla semplice voglia di essere legati al partner anche attraverso questo tipo di cerimonia.

Ma a questo punto tocca a te, cosa ne pensi della convivenza? Preferisci questa opzione o sei legata alle vecchie tradizioni e pensi che sia più saggio sposarsi direttamente?