Nintendo Switch Oled: in arrivo la nuova console

Sta per arrivare la nuova console Nintendo Switch Oled (di cui è appena stato svelato il prezzo). Ecco le specifiche tecniche e cosa aspettarsi.

Ormai lo saprete tutti: sta per uscire una nuova console Nintendo. A sorpresa l’azienda ha annunciato così, come se niente fosse, l’arrivo della Nintendo Switch Oled, senza alcuna Direct apposita. Semplicemente si è limitata a lanciare un trailer dove presenta la nuova console. Dopo l’entusiasmo iniziale, però, i fan hanno subito una tremenda delusione: non si tratterà dell’attesa Nintendo Switch Pro, anzi, a dare uno sguardo alle specifiche tecniche e al prezzo, poco cambia rispetto alla versione classica. Incluso il drift dei joy-con: quello rimarrà perché i controller sono identici a quelli della versione classica. Ma andiamo a scoprire cosa ci aspetta col modello Oled.

Nintendo Switch Oled: specifiche tecniche

Queste sono le specifiche tecniche della nuova Nintendo Switch Oled:

  • schermo con pannello Oled da 7 pollici e cornici più sottili
  • supporto più stabile per il kickstand posteriore (con anche la possibilità di avere maggiore flessibilità dell’angolo di inclinazione)
  • aumento della memoria interna: si passa da 32 GB a 64 GB
  • presenza sempre del solito chip Tegra X1
  • aggiunta una porta Lan nel dock
  • audio migliorato
  • risoluzione massima di 1920 x 1090, 60 fps tramite cavo HDMI in modalità TV e 1280 x 720 in modalità portatile
  • doppia opzione cromatica: joycon e console bianca o joycon rossi e blu con console nera
  • migliorato il sistema di ventilazione

Scheda tecnica

Se vi interessano i dettagli tecnici veri e propri, ecco la scheda:

  • Dimensioni: 102 mm x 242 mm x 13,9 mm (con controller Joy-Con collegati)
  • Peso: circa 320 g (quando i Joy-Con collegati arriva 420 g)
  • Schermo: touch screen capacitivo / 7 pollici OLED / risoluzione 1280 x 720
  • SoC: NVIDIA Tegra
  • Memoria di sistema: 64 GB espandibile tramite schede microSD compatibili
  • Connettività: Wireless LAN (compatibile IEEE 802.11 a/b/g/n/ac) / Bluetooth 4.1 (in modalità TV è anche possibile utilizzare una connessione LAN via cavo)
  • Uscita video: risoluzione massima 1920 x 1080, 60 fps tramite cavo HDMI nella modalità TV (ma nella modalità da tavolo e portatile, la risoluzione massima è 1280 x 720, come quella del touch screen)
  • Uscita audio: supporta PCM lineare 5.1ch (tramite cavo HDMI nella modalità TV)
  • Altoparlanti: Stereo
  • Porta USB: porta USB Type-C (per caricare la console o per collegarla alla base per Nintendo Switch)
  • Presa audio: mini-jack stereo 3,5 mm a 4 contatti (standard CTIA)
  • Slot scheda di gioco: solo per schede di gioco per Nintendo Switch
  • Slot scheda microSD: compatibile con schede di memoria microSD, microSDHC e microSDXC
  • Sensori: accelerometro / giroscopio / sensore di luminosità
  • Batteria: agli ioni di litio, capacità 4.310 mAh
  • Durata della batteria: circa 4,5 – 9 ore (la durata della batteria dipende dai giochi. Per esempio, con The Legend of Zelda: Breath of the Wild la batteria dura circa 5,5 ore)
  • Tempo di ricarica: circa 3 ore (tempo necessario per ricaricare totalmente la batteria quando la console è in modalità riposo)
  • Ambiente operativo: temperatura 5 – 35° C, umidità 20 – 80%nintendo switch oled console

Prezzo e data di uscita

Nel trailer di presentazione, Nintendo ha fatto sapere che la nuova versione Oled sarà in vendita a partire dall’8 ottobre 2021. Su siti come GameStop è già possibile prenotarla ed è proprio qui che si è venuti a sapere il prezzo della console: 349,99 euro.

Le perplessità dei fan

È innegabile che i fan della console si aspettassero molto di più. Aumentare le dimensioni dello schermo (passate da 6,2 a 7 pollici) non basta: è altro quello che vogliono i giocatori. Queste le maggiori perplessità:

  • assenza del nuovo SoC (niente piattaforma Nvidia con supporto al DLSS e output 4K, il che vuol dire niente sospirato 4K)
  • mancato aumento della memoria RAM (in realtà il nuovo developer kit avrà 8 GB di RAM al posto dei precedenti 6GB, ma solo per gli sviluppatori)
  • persistenza del joy-con drift: si tratta di quella problematica grazie alla quale, dopo un po’ di tempo di utilizzo, lo stick analogico del controller smette di registrare nella maniera corretta gli input inserendo dei movimenti fantasma che fanno muovere la visuale a caso, inficiando gravemente l’esperienza di gioco

Animal Crossing: New Horizons, il videogioco di Nintendo festeggia 1 anno da record

Foto | Screenshot da GameStop