Dieta di primavera, i consigli per iniziarla e non interromperla

La primavera è alle porte. E con lei torna il nostro atavico tormento di perdere peso per la bella stagione. Vediamo come raggiungere l'obiettivo

Fra meno di un mese sarà primavera e con l'inizio della bella stagione per molte di noi torna il tormentone del periodo: arrivare all'estate in forma, per scoprirsi al solleone senza il timore di non piacerci riflesse nello specchio.

Anche se la prova costume sembra ancora lontana, non è mai troppo presto per mettersi a regime, mangiare bene e in modo sano, non dimenticando di praticare un po' di movimento. Il tutto non solo per una questione di silhouette, ovviamente, ma anche e soprattutto di salute.

La fine di febbraio, forse anche un po' per via delle Fashion Week e delle sue magrissime protagoniste in passerella, è il periodo dell'anno più florido per la nascita delle tanto seguite diete di primavera.

I nuovi regimi dietetici dimagranti iniziano infatti a pullulare sui siti web di mezzo mondo, accompagnati anche da riedizioni in versione modernizzata delle diete più agée, come la sempre cliccatissima dieta Dukan, la Paleo Diet o la Atkins.

Inutile dire che ogni modello alimentare proposto può essere inutile o persino dannoso se non tiene conto del singolo caso che va a trattare. Il nostro consiglio è quindi di diffidare a priori delle diete "universali", spesso pericolosamente sbilanciate, ma di preferire un piano dietetico fatto su misura da un professionista.

In generale però lo scegliere di seguire una dieta non è la cosa più difficile da fare. La vera montagna da superare è infatti determinata dal tempo e dagli sforzi fisici e di volontà per non abbandonarla prima di aver raggiunto i risultati.

I consigli per iniziare una dieta

Prima di iniziare ufficialmente la dieta, salvo "urgenze" dettate da condizioni di salute particolari, prendiamoci un paio di settimane per iniziare ad organizzare la nostra vita in funzione del nuovo regime dietetico.

Sembra sciocco, ma in verità molte diete vengono stoppate dopo pochi giorni perché "poco comode" da seguire. Non è infatti un mistero che il consumo di junk food sia figlio del poco tempo che abbiamo per cucinare e nutrirci come si deve.

Se perciò la nuova dieta prevede minestrone di verdure o insalata di patate, organizziamo i pasti settimanali in modo che siano veloci da preparare. Tagliamo ad esempio le verdure fresche a fine settimana o quando siamo più libere, insacchettiamole e surgeliamole.

Quando dovremo cucinarle basterà tirarle fuori e metterle in pentola. Stessa cosa per le patate, che possono essere lessate anche due-tre giorni prima e lasciate in frigo con la buccia fino al momento di essere pelate e condite.

Un piccolo sforzo: la spesa giudiziosa al supermercato

La buona volontà in una dieta è un fattore quanto mai labile, facilissimo a indurci in tentazione nei momenti peggiori. Uno su tutti, quando passeggiamo col carrello della spesa al supermercato.

Per evitare di cedere alla barretta di cioccolato o ai cookies al burro, usciamo di casa con la lista già pronta. In questo modo sarà più facile evitare di incappare nelle corsie sbagliate e commettere poi peccati di gola.

Concediamoci invece qualche snack sano ma saporito come le chips di mela o la frutta secca, reperibili in qualsiasi market e pronti a venirci incontro quando abbiamo bisogno dell'illusione del confort food.

Come non abbandonare la dieta iniziata

Nonostante lo spirito combattivo iniziale ci abbia fatto scegliere di cambiare vita e dieta, le rinunce e i tempi lunghi per vedere risultati soddisfacenti possono demoralizzarci e farci gettare la spugna.

Per evitarlo è sempre bene scegliere regimi alimentari non troppo privativi e comunque completi di ogni nutriente. Le carenze nutrizionali sono infatti spesso legate a cattivo umore, insonnia, stati d'ansia e agitazione e quindi sono le prime a contribuire a farci desistere dai buoni propositi.

Oltre a scegliere quindi la dieta giusta ricordiamoci di coccolarci una volta a settimana con un piccolo peccato di gola (es. un quadrotto di cioccolato fondente extra noir o una pallina di gelato alla frutta) e con attività ricreative piacevoli per scaricare lo stress.

Visto che il clima è sempre migliore, il consiglio è di sfruttare i fine settimana col sole per fare scampagnate o visite a città d'arte. Ossigenare il cervello aiuta a far stare meglio sia la mente sia il corpo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail