Al Bano chiede per Ylenia Carrisi il procedimento di morte presunta


Al Bano Carrisi ha deciso di arrendersi. Dopo di 18 anni, ha scelto forse la strada più complicata, ma l’unica ormai percorribile. Accettare la morte dalla figlia Ylenia, scomparsa a New Orleans, il 31 dicembre del 1994 in circostanze ancora oggi molto buie e poco chiare. Il cantante pugliese ha quindi presentato al Tribunale di Brindisi il ricorso per la dichiarazione di morte presunta.

Ylenia oggi avrebbe ben 43 anni, sarebbe una donna. Il suo caso è stato per anni oggetto di indagini e dibattiti, ma non c’è stato modo di ripercorrere e ricostruire gli ultimi giorni della ragazza negli Stati Uniti. Chi l'Ha Visto? Ha più volte cercato di capire il ruolo di tale Alexander Masakela, musicista di strada che avrebbe passato con Ylenia il suo ultimo capodanno.

In tanti sono convinte che la giovane non sia morta, ma semplicemente sia scomparsa, per sua scelta. Spesso la stampa ha alimentato la speranza dei genitori e dei fratelli di riabbracciarla. L’ultima volta è sto un settimanale tedesco a sostenere che la figlia dei Carrisi fosse in Arizona. Probabilmente è anche per questo continuo chiacchiericcio in rispettoso, che il papà ha scelto di dichiararla ufficialmente molta.

A darne notizia è un quotidiano pugliese sul quale compare l'avviso del Tribunale di Brindisi che con provvedimento del 9 novembre 2012 ha ordinato pubblicazione per la richiesta di morte presunta. Questo procedimento può essere richiesto solo dopo 10 anni dalla scomparsa di una persona e perché sia effettivo ci vogliono circa sei mesi.

Via | Corriere

Foto | Gossiblog

  • shares
  • Mail