Come evitare che l'opinione altrui ci faccia male

Questa cattiva abitudine affonda le radici nell'infanzia, per non aver stimolato abbastanza l'autostima del bambino. Cambiare non è facile, ma si può fare lavorando su se stessi: iniziando ad apprezzarsi ed a volersi bene


E’ inevitabile interessarci a ciò che pensano gli altri di noi, perché l’essere umano ha bisogno di sentirsi integrato nel suo ambiente sociale, familiare, lavorativo. E’ logico sentire il timore di essere rifiutati dagli altri, poiché questo rifiuto causerebbe grandi turbamenti nella nostra vita quotidiana. Tuttavia queste emozioni naturali possono convertirsi facilmente in un problema, nel momento in cui permettiamo che l’opinione degli altri influisca in modo tale da limitare il nostro comportamento, fino ad impedirci di realizzare i nostri piani e desideri.

La cosa più importante da fare è identificare se esiste o meno questo problema. Alcuni sintomi possono essere per esempio non vestire come più ci piace per paura delle critiche, modificare le nostre attività per compiacere gli altri o chiedere sempre il permesso per fare qualsiasi cosa. E’ così che gettiamo le basi per una preoccupante perdita d’identità. Chi si comporta in questo modo, si trasformerà in ciò che le persone che gli stanno intorno vogliono che sia. Quindi non autentico.

Questo sentimento di inferiorità si basa sulla necessità d’approvazione da parte degli altri, e le ragioni affondano nell’infanzia, periodo in cui, con ogni probabilità, non è stata stimolata sufficientemente l’autostima del bambino. Per superare questa insicurezza, la prima cosa che bisogna avere ben chiara in mente è che mai si può ottenere l’approvazione di tutti, così come è impossibile andare d’accordo con tutti. Non sarà affatto una perdita di tempo dare valore alla propria opinione ed a noi stessi. Non bisogna avere vergogna o paura di esprimere i nostri pensieri e sentimenti, tutti hanno il diritto di manifestare idee ed emozioni, in qualsiasi momento e situazione, anche se non coincidono con quelle degli altri.

Riuscire ad estirpare questa cattiva abitudine non è per niente facile, perché l’obbedienza e la sottomissione sono qualcosa che ci hanno inculcato da piccoli. Tuttavia si possono praticare piccoli esercizi per riuscire ad essere pienamente noi stessi, come per esempio ripetersi quanto siamo orgogliosi delle nostre virtù oppure iniziare a mostrare disapprovazione rispetto a determinati temi o ignorando gesti di intolleranza che possiamo vedere intorno a noi; inoltre, bisogna agire in maniera più personale, per esempio comprando vestiti o oggetti per la casa secondo il nostro gusto, senza aspettare l’approvazione di nessuno.

Alla fine, siamo noi che dobbiamo prendere le decisioni per la nostra vita, poiché le conseguenze ed i risultati ricadranno soprattutto su di noi.

Foto | La via dei sogni

  • shares
  • Mail