Gli ingredienti base del trucco minerale e la loro funzione

Le liste INCI dei cosmetici sono sempre importanti. Ma in particolar modo lo sono quelle del trucco minerale, che deve essere quanto più puro possibile per garantire i suoi effetti positivi. Vediamo quindi quali sono gli ingredienti base.

Nell'era della cosmesi etica, naturale e responsabile, noi consumatrici finali siamo molto più attente a cosa acquistiamo per detersione e maquillage. A maggior ragione se scegliamo il trucco minerale, vogliamo essere sicure che sia quanto più puro possibile, al fine di avere benefici curativi dal suo utilizzo, oltre a quelli estetici più immediati. E quindi, quali sono gli ingredienti base di un buon cosmetico minerale?

Partiamo dai fondotinta, che solitamente non rinunciano ad avere al loro interno biossido di titanio e ossido di zinco. In particolare il primo scherma la pelle dai raggi UVA e UVB agendo ottimamente su assorbimento e rifrazione della luce. Il che ottimizza anche la resa estetica dei prodotti che lo contengono, in quanto tale rifrazione ha l'effetto di minimizzare le imperfezioni per effetto ottico e rendere la pelle più luminosa.

Per quanto riguarda l'ossido di zinco è un minerale altamente curativo per la cute lesa e irritata. Lo sanno bene le neo mamme, che utilizzano paste e creme che lo contengono per risolvere gli arrossamenti da pannolino dei loro bimbi. Ebbene, l'ossido di zinco, che è un disinfettante naturale, è ottimo anche per curare la pelle seborroica e a tendenza acneica. Ecco perché un buon fondo minerale, seboregolatore per definizione, non può davvero farne a meno.

Così come non si può fare a meno della sinergia fra zinco e silica o biossido di silicio. Questo minerale ha un alto potere opacizzante e assorbente, quindi è molto adatto ad essere utilizzato dalle pelli grasse. La sua azione è proprio quella di "asciugare" il derma dall'unto in eccesso ma senza sequestrare le molecole di acqua al suo interno. Cosa che invece, ci teniamo a precisare, fa il talco, ingrediente da evitare in caso di pelli troppo secche.

Presente poi sia nei fondotinta sia nelle ciprie è la mica (in verità sarebbe più corretto dire miche al plurale, viste le infinite varietà), un minerale composito che ha alto potere illuminante. Il termine deriva dal latino micare, che appunto può essere tradotto come "brillare". In genere la mica è uno dei primi ingredienti di qualsivoglia prodotto minerale a finitura perlescente, in quanto il suo potere è proprio quello di satinare.

E quei bei colori degli ombretti in polvere libera da dove vengono? Ovviamente dagli ossidi di ferro combinati proprio con le su citate miche. A variare, fateci ben caso, non sono solo le tonalità, ma spesso anche le consistenze di ogni singola polvere cosmetica: è proprio questo che rende interessante ed eterogeneo il mondo dei pigmenti, che a seconda della "grana" scelta e dei mix creati, danno vita a risultati sempre nuovi, diversi fra loro e tutti bellissimi.

Foto | da Flickr di dhren

  • shares
  • Mail